Passato remoto e passato prossimo: quale differenza?

passato remoto e passato prossimoQuando usare il passato remoto e quando invece il passato prossimo? Saper dare una risposta sicura a questa domanda è indispensabile non solo ai redattori e ai web writer, ma a chiunque voglia parlare e scrivere in italiano corretto.

Cominciamo col dire che la differenza tra passato remoto e passato prossimo, entrambi tempi verbali del modo indicativo, non è sempre così chiara. Soprattutto nella lingua parlata, sono le abitudini regionali a farla da padrone. Così, al Nord c’è generalmente una abuso del passato prossimo. Il passato remoto non è praticamente mai usato. Al Sud, al contrario, si tende a usare di più il passato remoto.

Secondo la grammatica italiana, questi due opposti atteggiamenti sono scorretti. C’è infatti differenza tra passato remoto e passato prossimo. E tale differenza andrebbe rispettata, sia nella lingua parlata che in quella scritta.

Devo ammettere che io sono tra i primi a non rispettare la grammatica. Poiché sono lombardo, nel parlare uso solo il passato prossimo. E tendo a trasportare questa abitudine anche nella scrittura. Il risultato è che uso pochissimo il passato remoto, preferendogli il passato prossimo anche nei casi in cui ciò è improprio.

 

La differenza tra passato remoto e passato prossimo

passato remotoStabiliamo allora qual è la differenza tra questi due tempi verbali del modo indicativo e quando si deve usare l’uno o l’altro. Il passato remoto è usato per indicare fatti considerati avvenuti in un passato oramai lontano e privo di rapporti con il presente, inteso come il momento in cui si parla o si scrive. Il passato prossimo è invece un tempo verbale che indica fatti che continuano ad avere un’influenza di qualche tipo sul presente. Insomma: nella scelta dell’uso conta non tanto la distanza temporale del fatto, ma la distanza psicologica percepita da chi parla o scrive.

Anche se, in modo improprio, solitamente si dà per scontato che eventi lontani nel tempo siano distanti anche psicologicamente – e quindi si è portati a usare il passato remoto –, mentre eventi vicini abbiano un maggior coinvolgimento psicologico – e quindi si è spinti a usare il passato prossimo per descriverli.

passato prossimoLa conseguenza di quanto detto sopra è che la scelta tra l’uso del passato prossimo e quello del passato remoto non è facile, soprattutto in alcune situazioni. In effetti, come si è visto, pensare a un uso che dipenda solo dalla lontananza nel tempo dell’azione non è un criterio sempre valido. Non è perciò possibile usare il passato remoto solo perché l’azione fa riferimento a tanto tempo fa. In effetti, esistono circostanze in cui è corretto usare il passato prossimo anche se i fatti si sono svolti in epoche remote.

Facciamo un esempio. “Alessandro Manzoni nacque in Lombardia” è una frase che necessita il passato remoto, perché si tratta di un avvenimento legato al passato e senza più legami o influenze sul presente. “Le opere di Alessandro Manzoni hanno insegnato a molti” è invece una frase che necessita del passato prossimo, perché il fatto ha conseguenze anche nel presente: le opere del Manzoni continuano a essere significative e a insegnare anche oggi.

Facciamo un altro esempio. Prendiamo la stessa frase e proviamo a coniugarla una volta al passato remoto e l’altra al passato prossimo. Se dico “Da ragazzo, vissi un anno a Milano”, uso il passato remoto e dunque voglio esprimere che il fatto è percepito come distante dall’esperienza presente. Se invece dico “Da giovane, ho vissuto un anno a Milano”, uso il passato prossimo e quindi voglio indicare che l’evento è percepito come vicino a me, perché ne ho un ricordo vivido, perché le sue conseguenze influenzano ancora il mio presente.

 

Qualche curiosità che riguarda il passato remoto e il passato prossimo

Un paio di curiosità. La prima. Sembra che alcuni studiosi abbiano azzardato la seguente previsione: in futuro, il passato prossimo soppianterà il passato remoto, sostituendolo completamente, un po’ come è successo nella lingua francese.

La seconda curiosità. Alcuni studiosi avevano proposto la Regola delle 24 ore per distinguere l’uso tra passato remoto e passato prossimo. Secondo questa norma, gli eventi successi da oltre ventiquattro ore dovevano essere indicati con il passato remoto, quelli più recenti con il passato prossimo. Questa regola non ha però trovato applicazione, proprio perche la differenza tra i due tempi verbali non è temporale ma psicologica.

 

Altre differenze tra il passato remoto e il passato prossimo

Oltre alla discriminante di tipo psicologico – che è il fattore più importante per decidere quale usare tra i due tempi verbali –, esistono anche altre differenze tra passato remoto e passato prossimo. Queste differenze sono già state citate sopra, ma vale la pena di ripeterle in modo più ordinato in questo paragrafo:

  • Il passato prossimo è in genere preferito nella lingua parlata, che è sempre più informale di quella scritta. Per esempio, questo tempo verbale è adoperato spesso nei dialoghi tra familiari o tra amici. Il passato remoto è invece preferito nella lingua scritta, che è molto più formale della comunicazione orale.
  • Nell’Italia del Nord il passato prossimo è usatissimo nella lingua parlata, anche quando il suo uso dà origine a errori grammaticali. Nell’Italia del Sud, invece, prevale l’uso del passato remoto, anche perché in alcuni dialetti meridionali il passato prossimo non esiste.
  • Abbiamo già detto che nella lingua parlata si sta manifestando sempre più la tendenza a sostituire il passato remoto con il passato prossimo. Come conseguenza di ciò, l’uso del passato remoto sta assumendo un connotato negativo. In effetti, chi usa questo tempo verbale dà l’impressione di essere troppo formale e antico, mentre chi usa il passato prossimo tende ad apparire più informale e più adeguato alle esigenze espressive della vita quotidiana.

 

differenza tra passato remoto e passato prossimoEcco, questa la differenza tra passato remoto e passato prossimo secondo la grammatica. La conoscevi già? Come usi questi due tempi verbali dell’indicativo? Adoperi il passato remoto e il passato prossimo correttamente nella lingua parlata? E in italiano scritto? Lascia un commento per condividere con noi la tua esperienza!

8 pensieri su “Passato remoto e passato prossimo: quale differenza?

    1. Alessandro Scuratti Autore articolo

      Ciao Placido,

      La tua frase è corretta, se intendevi dare la sfumatura che ipotizzo sotto.

      “Notai la sua assenza” significa che, in un momento preciso del passato, ti sei accorto della mancanza di una persona, e usi giustamente il passato remoto per dirlo.

      “L’ho cercata” è invece un passato prossimo, cioè un tempo verbale che si usa quando l’azione ha un valore che si proietta nell’attualità. Quindi, il messaggio che dai è che non l’hai trovata ancora. Se tu l’avessi trovata (o avessi smesso di cercarla), avresti invece detto “La cercai”, col passato remoto, perché l’azione si era esaurita nel passato, qualunque fosse il suo esito.

      Comunque, per poter rispondere alla tua domanda con più precisione bisognerebbe sapere quanto tempo prima sono successi gli avvenimenti.

      Rispondi
  1. Placido Palmieri

    Lo scritto incriminato è questo:

    ALBUM

    Ho perduto una tua foto,
    era la più nitida di tutte,
    l’unica in cui tu sorridevi.

    L’ho cercata
    perchè notai subito
    il distacco di quell’attimo
    che un tempo era diventato mio.

    Risfogliai l’album
    e ne vidi una simile,
    scorgendo in fretta
    quel lieve dettaglio
    che la differiva
    e mutava ogni cosa.

    Continuerò la ricerca
    e solo quando
    quel piccolo frammento
    tornerà ad incastrarsi
    nuovamente in quella raccolta,
    lasciata aperta al vento,
    sapro’ bene custodirti.

    La ringrazio tanto. Saluti, Placido

    Rispondi
  2. Sid

    Caro amico, sto imparando l’italiano e mi sembra che sia la lingua piú difficile che avevo mai visto, Dio mio! com’è diffcile. Sono arrivato fin qui perché avevo cominciato a leggere un romanzo storico (Idi di Marzo) e l’ho lasciato dopo di aver letto 5 pagine, la maggior parte dei verbi appartengono al passato remoto. Ne posso continuare a lamentarmi ma… non voglio dare fastidio. Volevo solo sfogarmi.

    Rispondi
    1. Alessandro Scuratti Autore articolo

      Ciao Sid,

      Il tuo italiano è super! Sei davvero bravo, complimenti, scrivi meglio di tanti Italiani!

      L’italiano è complesso, sì, ma le lingue dell’est Europa sono molto peggio! 😀

      Continua così: diventerai bravissimo!

      Rispondi
  3. Alberto

    Questo articolo è molto interessante perché fornisce degli elementi un po’ culturali un po’ psicologici. Eppure mi piacerebbe un’espiegazione della differenza tra i due tempi che riguardasse la semantica tipo Reichenbach o Vendler.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*