Scrivere chiaro fa vendere di più. Vale anche per siti e e-commerce

scrivere chiaroScrivere chiaro aiuta le aziende a vendere più prodotti e servizi, anche online? Assolutamente sì. Come mai? La risposta è semplice: se scrivi in modo comprensibile sul tuo sito web istituzionale, sul tuo blog aziendale e sul tuo e-commerce, i potenziali clienti saranno agevolati nel comprendere le tue offerte e nell’apprezzarle. E spesso questo risulterà determinante per spingerli a preferire te ai tuoi concorrenti.

Purtroppo, non tutte le aziende riescono a comunicare in modo chiaro. Ciò capita anche sul web, nonostante la Rete sia uno strumento per sua natura più informale della carta. In effetti, le aziende fanno spesso l’errore di scrivere sui siti in modo ingessato, pomposo, autoreferenziale. In altre parole: usano un linguaggio che, anziché dargli autorevolezza, le fa apparire goffe.

Il risultato finale di questi errori di comunicazione? È facile intuirlo: i potenziali clienti non si trovano a proprio agio e vanno a fare acquisti altrove. D’altro canto, si sa: sul web la concorrenza è a un solo clic di distanza da te.

Se vogliamo, lo scrivere chiaro ha a che fare con l’usabilità. No, non è un paragone azzardato. Pensaci sopra un momento: se sbagli il linguaggio da adottare sul tuo sito, lo rendi meno usabile per i tuoi potenziali clienti. Il che significa, per l’appunto, allontanarli da te.

Visto che lo scrivere chiaro è così importante anche nella comunicazione commerciale sul web, che cosa bisogna fare per scrivere testi online più chiari? Ecco un rapido vademecum.

 

  • Scrivi parole brevi

    Le parole brevi sono più familiari e più facili da capire di quelle lunghe. Comunicano più facilmente i tuoi messaggi al potenziale cliente.

  • Scrivi parole semplici

    Conosci il Vocabolario di base della lingua italiana? Si tratta del vocabolario che contiene le circa settemila parole più comuni della lingua italiana. Sono le più facili da capire, perché sono quelle che tutti noi conosciamo. Ecco, scrivere chiaro significa anche adoperare questo tipo di parole.

  • Scrivi parole dirette e concrete

    Il pericolo più grave della comunicazione è l’astrazione. Devi evitarla a tutti i costi. Ciò significa che i tuoi sforzi devono essere diretti alla concretezza estrema. Alcuni esempi? Anziché scrivere effettuare il pagamento, scrivi pagare; anziché scrivere effettuare la ristrutturazione, scrivi ristrutturare; anziché scrivere riempire i campi del modulo, scrivi compilare. La concretezza vende, l’astrazione fa scappare a gambe levate i potenziali clienti.

  • Chiama le cose sempre con lo stesso nome, cioè il loro

    A scuola, già dalle elementari, ci hanno inculcato nella testa la paura delle ripetizioni. Ma se una cosa si chiama in un determinato modo, bisogna chiamarla proprio così. Perciò, non aver paura di ripetere un nome, se è quello che identifica una cosa o un concetto. Quindi, smettila di usare il vocabolario dei sinonimi e dei contrari.  🙂
    Lo ripeto: se una cosa ha un nome preciso, devi chiamarla così. Una comunicazione che vuol vendere non c’entra con la letteratura. È puro business writing, vale a dire una disciplina che s’interessa solo del risultato, senza alcun pudore verso le forme stilistiche poco fighe. D’altro canto, l’obiettivo è per l’appunto vendere, mica far vedere che siamo raffinati poeti.

  • Evita le parole straniere, ogni volta che puoi

    Siamo tutti, chi più e chi meno, esterofili. Per esempio, questo spesso ci porta a preferire una parola inglese alla corrispondente parola italiana. A volte questa nostra esterofilia fa proprio ridere. In effetti, perché scrivere skills anziché competenze? Perché scrivere feedback anziché riscontro? Perché scrivere goals anziché risultati? Certo, esistono parole straniere che non possono essere tradotte, come per esempio computer, altrimenti si passerebbe per ridicoli al contrario. Ma non bisogna mai esagerare con le parole straniere. Perché a parlare come si mangia si vende molto di più.

  • Scrivi periodi brevi

    Ho letto testi commerciali con una lunghezza media delle frasi di 60-70-80 parole. Una vera e propria tortura per i lettori. Perché dico così? Ma perché più una frase è lunga e meno è comprensibile. Le aziende che l’hanno capito, scrivono testi online con frasi brevi. Così che i potenziali clienti non debbano fare grossi sforzi per capire i loro messaggi. Insomma: più scrivi breve e più scrivi chiaro. E più scrivi chiaro – oramai l’abbiamo capito – e più vendi.
    A proposito: pare che la lunghezza media ideale per le frasi di un testo sia di 16 parole. È quello il valore che ci permette di essere compresi da circa il 75-80% dei nostri lettori.

  • Usa la forma attiva

    La forma attiva dà più energia alla frase rispetto a quella passiva. La forma attiva ti fa apparire più propositivo, più sicuro di te, più convincente.

  • Abbandona il gergo del tuo settore

    Sei sicuro che i tuoi potenziali clienti conoscano il tuo gergo settoriale? Sei sicuro che conoscano addirittura il gergo interno della tua azienda? No, vero? Ecco perché non devi usare i gerghi, né sul tuo sito web né sul tuo e-commerce.
    A meno che tu non abbia la certezza che il tuo target parli la tua stessa lingua, hai l’obbligo di scrivere chiaro. Cioè di scrivere in termini semplici, rinunciando ai tecnicismi settoriali con cui ti esprimi in azienda.
    So che non è facile depurare il proprio linguaggio. Però l’incremento di fatturato che ne segue è un valido incentivo, vero?  🙂

  • Segui le regole del web writing

    I testi online sono assimilabili a veri e propri elementi grafici. Hanno perciò un ruolo determinante nel rendere un sito usabile. Sono cioè fondamentali perché il potenziale cliente abbia un’esperienza di navigazione confortevole e faccia acquisti.
    Ecco allora che scrivere chiaro significa anche seguire le regole del web writing. Già, perché la scrittura online ha regole tutte sue, che bisogna padroneggiare bene. Questo è il prezzo da pagare, se si vuole sfruttare la Rete come un efficace mezzo di comunicazione commerciale.

Ecco, queste sono alcune indicazioni su come scrivere chiaro per vendere di più online. In realtà, avrei potuto darti molti più consigli, perché l’argomento è parecchio vasto. A occhio e croce, avrei potuto scrivere il doppio o anche il triplo di quanto ho fatto. Ma se la tua azienda si limiterà a seguire questa manciata di suggerimenti, avrai già fatto parecchio. Sarai cioè in grado di sfruttare il web con una comunicazione che ti farà trovare nuovi clienti.

 

Vuoi vendere più prodotti o servizi online?
Posso aiutarti a creare contenuti di valore.
>>> CONTATTAMI E PARLIAMONE! <<<

 


scrivere chiaroQuesto post su come lo scrivere chiaro aiuti la tua azienda a vendere – anche online più – prodotti e servizi è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content creator. Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, visitato da migliaia di persone ogni giorno. Sono anche l’autore del libro “Scrivere per il web 2.0”.
Vuoi contattarmi per sapere come scrivere contenuti di valore per il tuo pubblico e vendere di più? Puoi farlo compilando il form in questa pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*