Il corsivo: come si usa nell’italiano scritto

corsivoIl corsivo, un elemento che è piuttosto sconosciuto della lingua italiana. Eppure, se lo impariamo a usare con padronanza, significa che disponiamo di un’arma in più per comunicare bene nei nostri testi, di qualunque tipo essi siano.

In effetti, il corsivo permette di dare alla nostra comunicazione scritta sfumature che, altrimenti, sarebbero difficili o impossibili da ottenere. Anche se sul web è poco usato, un web writer (o più in generale un business writer) ne deve conoscere comunque le regole d’uso.

Ecco alcune osservazioni preliminari sull’argomento. Il corsivo indica che una parola – o un’espressione – si stacca dal resto del testo. La parola – o l’espressione – va in corsivo solo la prima volta che la scrivi: le volte successive, va messa in tondo, cioè in carattere normale. La punteggiatura che separa un corsivo da un tondo va scritta in tondo. All’interno di un corsivo, tutto ciò che andrebbe messo in corsivo va invece indicato in tondo.

 

Quando si usa il corsivo?

La risposta a questa domanda è piuttosto articolata. Vediamo allora di fare un po’ di chiarezza.

  • corsivoSi usa il corsivo con le parole o con le espressioni straniere che non sono ancora entrate nel dizionario italiano. Le parole straniere in corsivo fanno il plurale secondo le regole della loro lingua. Le parole straniere in tondo – cioè quelle che sono già entrate nel nostro dizionario – non si mettono mai al plurale. Le citazioni in lingua straniera vanno sempre messe in tondo, tra le virgolette caporali.
  • Si usa il corsivo con i titoli di libri, gli articoli di giornale, i titoli di quadri, i titoli di sculture, i titoli di canzoni, i titoli di film ecc.
  • Si adopera il corsivo con i nomi di navi, di aerei, di mezzi di trasporto, di corpi militari. Per esempio, si scrive il Titanic e la Amerigo Vespucci.
  • Si usa il corsivo per mettere in risalto una parola specifica. Ecco un esempio: “Ciò che conta è essere, non avere”.
  • Si fa uso del corsivo per indicare che una parola è usata in quanto tale e non per il suo significato. Per esempio: “La parola cane inizia con la c”.
  • Si usa il corsivo con i termini in latino della classificazione zoologica e della classificazione botanica: “Homo sapiens sapiens“. Il primo nome dell’espressione va sempre scritto con l’iniziale maiuscola.
  • Si adopera il corsivo per i termini di cui si dà spiegazione: “In questo caso, trombone va inteso nel senso di persona che parla tanto e che annoia”.

 

Osservazioni sull’uso del corsivo

Ne abbiamo già parlato in precedenza, ma è meglio specificare con più attenzione alcune regole d’uso del corsivo:

  • In genere, l’uso del corsivo è alternativo a quello delle virgolette.
  • Se una parola o un’espressione che va in corsivo ricorre più volte in un testo, può esser messa in corsivo solo la prima volta. Le volte successive può essere lasciata in tondo.
  • La punteggiatura interna a un corsivo va messa in corsivo.
  • La punteggiatura che separa due corsivi e quella che si trova alla fine di un corsivo vanno messe in tondo.
  • In un testo scritto completamente in corsivo, quello che andrebbe indicato in corsivo va messo invece in tondo. Oppure lo si può indicare comunque in corsivo, ma tra le virgolette.

 

Ecco, queste sono le regole d’uso del corsivo nella lingua italiana. Le conoscevi già? Quando scrivi, fai uso del corsivo seguendo queste norme? Nei tuoi testi per il web lo adoperi oppure lo trovi troppo difficile da leggere a monitor?

 

Vuoi vendere più prodotti e servizi?
La scrittura è fondamentale.
>>> Contattami e parliamone! <<<

 


il corsivoQuesto post sulle regole del corsivo nella lingua italiana è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da più di 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, che raccoglie migliaia di visite al giorno. Sono autore del libro Scrivere per il web 2.0.
Vuoi contattarmi per saperne di più su come fare content marketing in modo efficace sul tuo blog aziendale? Vuoi scoprire come intercettare i bisogni del tuo target di consumatori e generare lead caldi e in target in modo continuativo? Contattami e ti dirò come fare acquisizione clienti!

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*