Copywriting persuasivo: la scrittura persuasiva per vendere di più

copywriting persuasivoCome fare copywriting persuasivo? Prima di rispondere a questa domanda, diamo una definizione del copiwriting persuasivo, che è noto anche come persuasive copywriting.

Il copywriting persuasivo è una particolare tecnica di scrittura che mira a creare testi o contenuti web che attirano l’attenzione dei lettori. Molto usata in àmbito commerciale, sia online che offline, questo tipo di scrittura persuasiva cerca di far leva sulle emozioni delle persone, con l’obiettivo di rendere più attraente ai loro occhi un prodotto o un servizio.

L’obiettivo del copywriting persuasivo è quindi la lead generation, cioè realizzare un contatto commerciale “caldo”, finalizzato alla vendita.

Nello specifico, mi concentrerò sul copywriting persuasivo applicato al web. Prima di iniziare a parlarne, voglio però fare una precisazione che sento doverosa. La scrittura persuasiva non va intesa come un mezzo per forzare le vendite. In effetti, scrivere per persuadere significa semplicemente presentare un prodotto o un servizio in modo dettagliato e trasparente. Quindi, il compito del persuasive copywriting è quello di valorizzare un bene, presentandolo al meglio ed evidenziando il fatto che potrebbe risolvere uno specifico problema all’eventuale compratore.

Insomma: il copywriting persuasivo è qualcosa di assolutamente onesto e legittimo. Niente in comune con l’ingannare degli sprovveduti. Ripeto: si tratta semplicemente di scrivere per vendere. Cioè di evidenziare le qualità di un prodotto, affinché un potenziale compratore le apprezzi e si renda conto che quel prodotto ha benefici oggettivi e perciò gli può essere utile.

Ciò premesso, vediamo quali consigli si possono dare per rendere efficace il proprio persuasive copywriting. Giusto per fissare le idee, immaginiamo di dover creare la pagina web di un prodotto per un sito di e-commerce.

 

  • Consiglio no. 1 sul copywriting persuasivo: sii chiaro e breve

Per prima cosa, usa un vocabolario semplice. Meglio se pesca a piene mani dal Vocabolario di base della lingua italiana. Evita cioè la tentazione di usare il gergo tecnico del tuo settore o quello interno della tua azienda. I visitatori del tuo sito o del tuo blog non sono obbligati a conoscere uno specifico linguaggio tecnico o professionale. Altrimenti, rischi seriamente che il tuo messaggio non sia compreso.

D’altro canto, preferisci le parole corte e semplici a quelle lunghe e non comuni. Inoltre, sii breve: va’ subito al nocciolo delle questioni, di’ quello che c’è da dire in poche parole.

 

  • Consiglio no. 2 sul copywriting persuasivo: di’ la tua opinione

I web writer più interessanti agli occhi del pubblico sono quelli che comunicano le proprie opinioni, in modo trasparente. Lo stesso vale per i brand.

Perciò, non aver paura di differenziarti dai tuoi concorrenti dicendo la tua opinione. Devi dimostrare al pubblico della tua nicchia che, quando è il caso, hai idee differenti e talvolta contrarie a quelle della massa. Non si tratta di attaccare i concorrenti, ma di esprimere le tue opinioni, con coraggio e onestà intellettuale. Fare così fornisce un vero e proprio valore aggiunto al tuo copywriting persuasivo, poiché ti fa apparire come genuino, spontaneo, vero.

Inoltre, il tuo pubblico ha bisogno di motivazioni per aderire alle tue proposte commerciali. Perché gli utenti web aderiscono in primo luogo ai valori e alle idee che la marca comunica. Quindi, se vuoi scrivere in modo persuasivo, non esitare a parlare chiaro e forte dei tuoi valori, di ciò in cui credi fermamente.

 

  • Consiglio no. 3 sul copywriting persuasivo: parla dei vantaggi

Molto spesso, il tuo pubblico non sa ciò di cui ha bisogno. O meglio: ancora non sa che ciò di cui ha bisogno glielo puoi dare proprio tu! Capita infatti di frequente che gli utenti web abbiano una vaga idea delle funzionalità del prodotto che deve risolvere il loro problema. Dunque, la domanda è: come spingere gli utenti verso il mio prodotto?

La risposta te la dà proprio il copywriting persuasivo. Il consiglio fondamentale è questo: vendi prima di tutto i vantaggi del prodotto! Cioè: non vendere le caratteristiche del bene – le caratteristiche sono fredde: non emozionano nessuno! –, vendi i suoi benefici! In breve: spiega come, quando e perché il tuo prodotto risolve il problema del lettore. Spiega a chi ti legge che, acquistando ciò che vendi, la sua vita ne ricaverà un vantaggio importante.

A volte, l’utente web non sa – perché non l’ha ancora capito, non ci ha ancora riflettuto – che il tuo prodotto è ciò di cui ha bisogno. Potrebbe quindi passargli davanti senza accorgersi che, comprandolo, riuscirebbe a soddisfare alcuni suoi bisogni, anche inespressi. Ecco perché il tuo copywriting persuasivo si deve concentrare sui vantaggi di ciò che vendi e non sulle sue caratteristiche. In estrema sintesi: i benefici vendono, le caratteristiche no!

 

  • Consiglio no. 4 sul copywriting persuasivo: scrivi call to action efficaci

Le call to action sono fondamentali nel persuasive copywriting! Si tratta di scrivere un invito all’azione che spazzi via gli eventuali dubbi residui del potenziale cliente, spingendolo a compiere l’azione che desideri.
Lo ripeto un’altra volta: la call to action, come più in generale il copywriting persuasivo, non è un invito a ingannare chi ci legge. Rappresenta invece un incentivo a percepire chiaramente il valore del prodotto offerto e, in alcuni casi, a scoprire che esiste un bisogno, una necessità – anche inespressa – nei confronti del prodotto.

 

  • Consiglio no. 5 sul copywriting persuasivo: segui le regole del web writing

Siccome parliamo di persuasive copywriting sul web, dovremo adeguarci alle esigenze della scrittura online. Questo significa che dovrai usare il metodo della piramide rovesciata, il grassetto, le liste numerate o puntate. Inoltre, vuol dire che dovrai scegliere immagini che aiutino a comunicare con efficacia il tuo messaggio. Tali immagini dovranno essere ottimizzate per il web.
Dovrai pertanto adeguarti in tutto e per tutto al mezzo che stai usando, che ha peculiarità uniche, da rispettare il più possibile.

 

Questi i miei consigli su come rendere efficace il tuo copywriting persuasivo. Li condividi? Secondo te, si possono dare altri consigli di pari importanza? Lascia un commento spiegando come deve essere, a tuo giudizio, il persuasive copywriting!

 

Vuoi vendere più prodotti e servizi
sfruttando il copywriting persuasivo?
>>> CONTATTAMI E PARLIAMONE! <<<

 


scrittura persuasiva copywritingQuesto post sul copywriting persuasivo e sulle principali tecniche per rendere i tuoi testi online più persuasivi per i tuoi potenziali clienti è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content creator. Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, visitato da migliaia di persone ogni giorno. Sono anche l’autore del libro “Scrivere per il web 2.0”.
Vuoi contattarmi per sapere come scrivere contenuti di valore per il tuo pubblico e vendere di più? Puoi farlo compilando il form in questa pagina!

Loading Facebook Comments ...

2 pensieri su “Copywriting persuasivo: la scrittura persuasiva per vendere di più

  1. Fernando Bellizzi

    Ma persuadere non vuol dire convincere?
    Un testo è persuasivo se convince il lettore a fare quel qualcosa che è l’obiettivo per il quale è stato creato il messaggio. Vero che persuasivo non vuol dire solo vendere, ma vuol dire generare una call to action, cioè generare un determinato comportamento nel lettore.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*