Content marketing nel B2B: qualche statistica

content marketing B2BQuando pensiamo al content marketing – ma lo stesso vale, giusto per citare un paio di esempi, per lo storytelling o per il viral marketing –, spesso lo associamo alle aziende che fanno B2C. In realtà, il marketing dei contenuti funziona benissimo anche per le imprese B2B.

Una riprova di quanto il content marketing possa dare vantaggi anche nel B2B viene dal The WorldStream Blog, che riporta alcuni dati inerenti appunto al marketing dei contenuti fatto dalle imprese che vendono alle imprese. La maggior parte di questi dati sono tratti dal Content Marketing Institute’s B2B 2014 Report.

Come si può facilmente osservare dalla lettura delle statistiche che riporto qui sotto, il 2014 sembra proprio l’anno della definitiva consacrazione del content marketing, anche nel B2B. C’è però da dire che questi valori fotografano la realtà statunitense. L’augurio è che, anche in Italia, si possa presto seguire con altrettanta convinzione questa strada, sia nel B2B che nel B2C.

Ecco dunque alcuni dati statistici a testimonianza di come i responsabili marketing delle aziende B2B si servono del marketing dei contenuti per raggiungere gli obiettivi prefissati:

 

  • Il 93% dei marketer che operano nel campo del B2B fanno uso del content marketing.
  • Il 42% di chi opera nel web marketing afferma che il content marketing produce benefici per le aziende che se ne nervono. Lo scorso anno, la percentuale era solo del 36%.
  • Il 44% dei marketer che lavorano nel B2B ha una strategia di content marketing che è stata messa nero su bianco.
  • Il 66% degli addetti marketing che hanno una strategia di content marketing scritta in un documento aziendale tende a considerarsi più efficace nel proprio lavoro.
  • Un dato che non avrei detto: il 48% dei marketer delle aziende B2B medio piccole (da 10 a 99 dipendenti) ha una strategia di content marketing che è stata messa per iscritto. La percentuale è solo del 41% per le aziende grandi (oltre i 1.000 dipendenti).
  • Il 73% delle società che operano nel B2B ha in azienda una figura specifica che controlla che la strategia di content  marketing venga seguita e tradotta in risultati.
  • Il 73% dei marketer del B2B sta producendo più contenuti web rispetto all’anno passato.
  • Le società che hanno un blog aziendale producono il 67% in più di lead rispetto a quelle che non bloggano.
  • Circa l’80% dei direttori marketing afferma che i contenuti personalizzati sulle esigenze dei clienti (vale a dire i contenuti di qualità) sono il futuro del marketing.
  • Gli operatori di marketing del settore B2B usano in media 13 tattiche di content marketing, e ne stanno diventando sempre più esperti. Il 79% di essi indica nel blog aziendale l’arma di punta per fare marketing dei contenuti online. Seguono, praticamente a ruota, gli eventi, con il 76% dei consensi. Ecco alcune delle altre tecniche di content marketing adoperate, in ordine di preferenza:

• I social media (esclusi i blog)
• Gli articoli pubblicati sul sito web aziendale
• Le newsletter
• I blog
• I case study
• I video
• Gli articoli su altri siti web che non siano però quello aziendale
• I libri bianchi
• I webinar e i webcast
• Le ricerche, le indagini, gli studi di settore
• Le infografiche
• I micrositi
• I contenuti per il mobile
• Le riviste della carta stampata
• Gli ebook
• I libri
• I podcast
• Le mobile app

  • I marketer che operano nel B2B hanno incrementato l’uso delle infografiche: dal 38% al 51% in un anno.
  • L’82% degli operatori di marketing considera la brand awareness come il proprio obiettivo principale nel marketing. Segue la lead generation con il 74% dei consensi.
  • Il 58% degli operatori di marketing del B2B ha pianificato di aumentare il budget destinato al content marketing nei prossimi dodici mesi.
  • Quali sono le più grandi sfide per i manager che operano nel content marketing del B2B? Il 69% degli intervistati cita la scarsità di tempo, che è stata un ostacolo comune un po’ a tutti i marketer negli anni passati.
  • Il 30% del budget delle aziende operanti nel settore B2B è destinato al content marketing.

 

Queste erano alcune delle statistiche su come i marketer del B2B che operano in Nord America usano il content marketing. A tuo giudizio, le aziende B2B italiane sono molto indietro? Che cosa potrebbero fare per sfruttare meglio le opportunità di business che il marketing dei contenuti può offrir loro? Lascia un commento qui sotto e condividi con noi la tua opinione!

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*