Come aumentare le conversioni dei moduli di contatto?

moduli di contattoEcco un bel quesito di usabilità: come aumentare il numero di conversioni di un modulo di contatto di un sito web? A questa domanda risponde un’infografica (a destra, clicca per ingrandire) di Quick Sprout, dedicata appunto ai moduli di contatto e agli accorgimenti di web usability che ne possono aumentare il conversion rate.

Alla base di tutti questi consigli c’è una considerazione piuttosto semplice. Gli utenti web non vogliono perder tempo a compiere operazioni che non hanno scelto loro di fare. Soprattutto se queste operazioni li annoiano! E compilare i moduli di contatto dei siti web non è certo una cosa divertente…  🙂

I webmaster devono perciò stare attenti a ogni singolo dettaglio dei loro moduli di contatto. Gli utenti web amano infatti essere guidati con precisione e rapidità lungo la loro esperienza di navigazione. In sostanza: come da sempre la web usability raccomanda, la via migliore per creare un modulo di contatto con un alto tasso di conversione è la semplicità.

Vediamo allora quali sono i consigli dell’infografica su come progettare un modulo di contatto affinché porti più conversioni. Sono suggerimenti che funzionano realmente: se li seguirai, il conversion rate dei tuoi form di contatto potrà aumentare in misura evidente!

 

1. Come ottimizzare moduli di contatto: abbassa il numero di campi

Alcuni test evidenziano che ridurre il numero di campi dei moduli di contatto da 11 a 4 ha aumentato le conversioni del 120%! In effetti, il tasso di conversione ha visto un incremento dal 5,4% all’11,9%.

Inoltre, i capi del form devono essere ben visibili: evita di nasconderli dentro menu a tendina. Non solo: più voci contengono i menu a tendina peggiore sarà il loro tasso di conversione!

Insomma: ancora una volta si evidenzia il fatto che agli utenti web non piace compilare i moduli di contatto lunghi. Perciò, riduci al minimo indispensabile i tuoi form, senza alcuna pietà! Togli tutti i campi e le voci inutili. Un form di contatto con tre-quattro campi è sufficiente. Quali campi lasciare? Per esempio, questi campi del form potrebbero essere quelli del nome, dell’email, del telefono (campo opzionale) e il box dove scrivere la motivazione della richiesta di contatto.

 

2. Come ottimizzare i moduli di contatto: inserisci solo i campi necessari

Lo abbiamo già detto: gli utenti web non amano passare il tempo a compilare un form di contatto. Che cosa odiano in particolare?

  • La richiesta dell’età abbatte il conversion rate del form del 3%.
  • La richiesta del numero di telefono riduce il numero di conversioni del modulo del 5%.
  • La richiesta della città e dello stato riduce le conversioni del form del 2%.
  • La richiesta dell’indirizzo abbassa il tasso di conversione del modulo del 4%.

È citato un case study in cui l’eliminazione dal modulo di contatto di un solo campo – quello del nome della società – ha incrementato il profitto di ben dodici milioni di dollari! Al limite, se proprio si reputa indispensabile un particolare campo e lo si vuole lasciare a tutti i costi, bisognerebbe valutare di renderlo opzionale. In effetti, il case study citato sopra indica che la società, rendendo opzionale il campo dedicato alla richiesta del numero di telefono, ha raddoppiato il numero di conversioni!

 

3. Come ottimizzare i moduli di contatto: studia bene le etichette dei campi

Le etichette dei campi dei form di contatto sono strettamente collegate al conversion rate. Qui, il consiglio è quello di non usare le etichette a caso, ma di studiarle con attenzione. Un po’ come si fa con le call to action.

L’infografica, giusto per fare alcuni esempi, dice che le etichette “Click Here” e “Go” hanno un  tasso di conversione più alto di quella “Submit”. Invece, le etichette “Download” e “Register” portano un numero di conversioni inferiore rispetto all’etichetta “Submit”.

 

4. Come ottimizzare i moduli di contatto: consigli vari

Circa l’usabilità di un modulo di contatto si possono dare ulteriori suggerimenti. Per esempio:

  • Se l’etichetta del campo è allineata a sinistra, la leggibilità è migliore rispetto al caso in cui essa è allineata a destra.
  • I moduli di contatto a due colonne creano una certa confusione e sono perciò da evitare.
  • La posizione ideale delle etichette dei campi? Meglio metterle direttamente sopra i campi stessi.
  • Gli utenti web si aspettano di trovare sulla stessa riga – e non su più righe – i campi “nome”, “cognome”, “data” (con giorno, mese e anno) e “ora” (con ore e minuti).

L’infografica ci proporne un interessante paragone tra Ebay e Yahoo!. Gli utenti web guardano i campi “First Name” e “Last Name” di eBay trenta-quaranta secondi in più di quelli degli analoghi campi su Yahoo!. Perché? Sembra che ciò dipenda dal fatto che i campi su Yahoo! Sono più distanziati di quelli su Ebay.

 

5. Come ottimizzare i moduli di contatto: testare in continuazione!

Ogni modulo di contatto risponde a una specifica esigenza del sito web che lo ospita. Dunque, quelli contenuti nell’infografica sono solo buoni consigli che devono però superare la prova della singola realtà pratica.

Ecco allora che diventa fondamentale per i webmaster testare le modifiche che introducono nei loro moduli di contatto. La fase di test è davvero da non prendere sotto gamba! Per esempio, un sito web ha registrato un aumento del tasso di conversione del 24,6% con una banale operazione: ha spostato il form di contatto da sinistra a destra nella relativa pagina web! Un altro sito ha avuto un aumento del conversion rate del 113% cambiando l’etichetta di un campo del modulo di contatto da “free risk” a “free & unlimited access”!

Si tratta di esempi sorprendenti, vero? Perciò, la fare di test non può essere sottovalutato, se si vuole dare al caccia a un tasso di conversione più alto per il proprio form di contatti.

 

Come ottimizzare i moduli di contatto: libri consigliati

modulo di contattoL’infografica di cui ho parlato ha il pregio di riassumere alcune delle più efficaci operazioni che possono aumentare il conversion rate dei form di contatto. Ma quelle operazioni non sono certo le uniche possibili.

Per approfondire l’argomento consiglio di consultare due libri: Eyetracking web usability di Jakob Nienesen e Web design in pratica di Sofia Postai. Si tratta di testi sull’usabilità dei siti web che, tra l’altro, danno utilissime e approfondite indicazioni su come progettare un modulo di contatto al fine di massimizzare il suo tasso di conversione.

 

E tu che cosa ne pensi? Quali sono i consigli di usabilità che, a tuo giudizio, si possono dare per aumentare il conversion rate di un modulo di contatto? Quali sono gli accorgimenti tecnici o inerenti la comunicazione online che usi per far sì che i tuoi form di contatto abbiano un tasso di conversione ottimale?

Loading Facebook Comments ...

2 pensieri su “Come aumentare le conversioni dei moduli di contatto?

  1. Daniele

    Io ho introdotto la domanda antispam… chissà se questo crea un calo dei contatti: è una moltiplicazione semplice 🙂

    In effetti hanno ragione, anche io mi stufo a compilare moduli con informazioni non necessarie come età e telefono. Quest’ultima, poi, se lo ritengo opportuno, posso inserirla nel corpo del messaggio.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*