5 luoghi comuni sul social media marketing

social media marketingIn tutto il mondo, social media marketing è una delle espressioni più in voga nel campo del web marketing. Dati il numero di utenti attivi sempre crescente sui social media, per i business è davvero difficile ignorare l’importanza del marketing fatto su queste piattaforme.

Tuttavia, il social media marketing è una disciplina ancora piuttosto nuova per le aziende. È pertanto comprensibile la diffidenza di molti imprenditori e direttori marketing: mi serve sul serio una presenza sui social media? Questa è la domanda che si fanno. La risposta giusta non c’è. O meglio: la risposta è sì, valutando però il caso specifico, perché non c’è una ricetta buona per tutti, applicabile senza studiare il particolare business e mercato.

Insomma: affermare che il social media marketing fa miracoli è altrettanto irresponsabile del dire che è completamente inutile. Perché le analisi generiche rischiano sempre di essere poco significative, se non addirittura fuorvianti.

È proprio per questo che, negli anni, si sono diffuse alcune idee sbagliate sul social media marketing. Si tratta di luoghi comuni che molti proprietari di aziende danno purtroppo per veri, e che impediscono loro di utilizzare efficacemente i social media per far crescere le loro aziende.

Quali sono questi luoghi comuni errati sul social media marketing? Ce ne sono davvero tanti. Ne ho selezionati cinque, quelli per me più diffusi. Te li riporto nell’elenco qui sotto.

 

  1. Fare marketing sui social è facile

    Chiunque può twittare, postare su Facebook, condividere foto su Instagram, caricare un video su YouTube, aprire una pagina aziendale su LinkedIn ecc.
    Questo non significa però che gli utenti di questi social sappiano cosa stanno facendo, cioè quali effetti avranno le loro azioni sul loro business. Il marketing fatto sui social media sembra facile perché tutti hanno una certa confidenza da utenti con almeno un social network. Quindi, se è facile usare i social, per estensione diventa facile farci anche delle azioni di marketing. E invece no, non è così. Non ci si può improvvisare community manager o social media manager, perché comunicare i valori di un marchio e le promozioni aziendali sui social media è cosa da professionisti.
    Ripeto: potrebbe sembrare semplice, ma il social media marketing è una disciplina vera e propria. Digitare messaggi o postare foto a piacere non sono attività che obbediscono a una content strategy ben pianificata. Quindi ti espongono a un pericolo. Perché la condivisione di contenuti non coerenti con la strategia aziendale rappresenta sempre una comunicazione sbagliata, che può causare gravi danni di online reputation alla tua azienda.

  2. Fare social media marketing è gratis

    Questo è forse il più grande malinteso da parte delle aziende: il social media marketing, oltre a non essere facile, non è nemmeno un’attività a basso costo, cioè non è un gioco da ragazzini.
    Forse si è portati a pensare che sia economico perché, di solito, chi si occupa di social media è un giovane professionista. Forse perché sui social, anche quando si fa social selling, non si vende direttamente, ma si creano relazioni. E tutto questo può sembrare lontano dalle dinamiche di business tradizionali, che puntano sulla pubblicità.
    Le cose stanno diversamente. Anche perché molti social network, Facebook su tutti, modificano frequentemente i loro algoritmi per limitare la visibilità dei contenuti postati dalle aziende. Se hai 100 fan su Facebook, i tuoi post organici potrebbero essere visibili a 10 o meno di questi. Qual è la soluzione: affidarti a un professionista che sappia creare campagne a pagamento che intercettino i tuoi potenziali clienti. Un lavoro non così facile (né gratuito) come si potrebbe credere.

  3. I commenti negativi sui social media danneggiano le aziende

    No, vale piuttosto il contrario. Ciò che le persone cercano è attenzione ai loro problemi. Sui social media, una delle cose che le persone vogliono di più è che i brand diano attenzione ai loro problemi. Quindi, in realtà, i commenti e le recensioni negative sono ottime opportunità per far capire che la tua aziende si prende cura dei suoi clienti, in modo rapido. Insomma: presidiare i social con un ascolto attento delle esigenze dei consumatori ti aiuterà a fidelizzarli. E a ispirare fiducia anche ai potenziali clienti, portandoli nel tempo a diventare clienti.

  4. Il successo del social media marketing dipende dal postare tanto

    Non è vero. Il fatto è che spesso, più osti e più è probabile che tu infastidisca i tuoi follower. Il rischio è quello che tu venga etichettato quasi come uno spammer. Non è la quantità a essere premiante, anche se è chiaro che non basta comunicare una volta ogni tanto sui social media. Più che altro, conta la qualità del tuo social media marketing, cioè il valore e l’utilità pratica dei contenuti che condividi online.
    Se il tuo pubblico apprezza il valore dei tuoi contenuti, il tuo obiettivo è raggiunto. Lo ripeto: sui social (ma questo vale praticamente ovunque sul web) conta più la qualità della comunicazione verso un target che la sua quantità.

  5. Occorre aprire un account aziendale su ogni piattaforma social

    Tutt’altro! Il tentativo di essere presente su tutti i possibili social media è una delle principali ragioni per cui molte piccole aziende non stanno avendo i risultati sperati dalle loro strategie e tattiche di social media marketing. (E da qui concludono che fare marketing online sui social media non funziona!).
    Non serve avere un profilo aziendale su tutti i social possibili e immaginabili, Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, LinkedIn, YouTube e così via. Fare questo è troppo costoso e, soprattutto, troppo dispersivo. Bisogna invece concentrare le proprie risorse.
    Che fare, dunque? Un’azienda dovrebbe presidiare un canale social solo se i suoi potenziali clienti lo usano. I tuoi clienti e potenziali clienti stanno più che altro su Facebook? Bene, allora apri una fan page su questo social e comincia a usarlo attivamente. I tuoi clienti e potenziali clienti hanno in larga parte un account su LinkedIn? Bene, allora fa’ in modo di fare social media marketing su quella piattaforma. Ribadisco il concetto: concentra le tue risorse dove è più conveniente.

 

Esistono molti altri luoghi comuni sul social media marketing, ma parlare di tutti porterebbe via davvero troppo spazio. Mi sono limitato così a scrivere quelli che, a mio giudizio, sono i cinque più diffusi tra imprenditori e direttori marketing.

E tu, che cosa ne pensi? Sei d’accordo con le mie considerazioni? Fare marketing sui social media non è facile come si pensa, e nemmeno a costo zero. Ti va di condividere con noi quella che è la tua esperienza su questo argomento? Lascia un commento al mio post!

 

Vuoi vendere più prodotti e servizi?
Crea contenuti di valore.
>>> Contattami e parliamone! <<<

 


social media marketingQuesto post sui cinque luoghi comuni più diffusi nel social media marketing è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da più di 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content creator. Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, visitato da migliaia di persone ogni giorno. Sono anche l’autore del libro “Scrivere per il web 2.0”.
Vuoi contattarmi per sapere come scrivere contenuti di valore per il tuo pubblico e riuscire a vendere di più? Puoi farlo compilando questo form!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*