“I 10 peccati capitali del marketing”, P. Kotler

I 10 peccati capitali del marketing, di Philip KotlerManuale agile, ma non superficiale. Scritto con chiarezza e concretezza: Kotler va dritto al nocciolo dei problemi.

Punto di partenza: oggi il marketing è in crisi. Per Kotler, ciò succede perché:

  • Grazie soprattutto al web, oggi “i consumatori sono più informati e avveduti nelle loro abitudini d’acquisto”.
  • I costi del marketing di massa sono sempre più alti, ma l’efficacia di questa tecnica è oramai minima.
  • Le imprese sono sempre più incapaci di ascoltare i loro clienti e di soddisfare i loro bisogni.
  • I programmi di fidelizzazione sono oramai così diffusi da risultare praticamente inefficaci.
  • La concorrenza a basso costo della Cina è un grosso problema.
  • Molte delle differenziazioni che le aziende operano sono irrilevanti per i loro clienti.
  • Nelle fasi di recessione dei nostri giorni, le imprese tagliano gli investimenti al marketing.
  • Dare visibilità a un marchio è sempre più difficile.

Per tutti questi motivi, fare marketing oggi è sempre più difficile. Anche se, paradossalmente, la teoria del marketing è lì, chiara e solida.

Ecco allora che Kotler elenca quelle che ritiene le dieci carenze più sanguinose del marketing odierno. Per ognuna di esse dettaglia i sintomi e indica la cura da praticare. In breve: I dieci peccati mortali del marketing dà consigli efficaci per riorganizzare al meglio le prassi di marketing delle imprese.

Personalmente, i miei peccati preferiti sono il secondo e il decimo.  🙂  Il secondo è questo: le imprese non conoscono a fondo i loro clienti. Invece, il decimo: le imprese non traggono tutti i possibili benefici dalla tecnologia, in primo luogo da Internet.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*