Creare contenuti di qualità in 12 mosse

Creare contenuti di qualitàSi sa: sul web, la concorrenza è a un clic di distanza soltanto. Dunque, creare contenuti di qualità è uno dei mezzi più efficaci – se non quello più efficace in assoluto – per guadagnare la fiducia degli utenti della propria nicchia.

Prima di passare ai consigli operativi, definiamo che cosa s’intende per contenuti di qualità. In sostanza, un contenuto è di qualità se è pertinente agli argomenti della nostra nicchia, se è originale e se è utile ai nostri visitatori.

Stabilito ciò, come puoi creare contenuti di qualità? I dodici suggerimenti sotto rappresentano la mia risposta alla domanda.

 

  1. Scrivi solo se hai intenzione di dire qualcosa di davvero utile.
    In effetti, non bisognerebbe mai scrivere solo per il giusto di scrivere. Specialmente sul web, bisogna scrivere solo se si ha qualcosa di valore da offrire ai propri utenti. Altrimenti, si corre il rischio di aumentare il livello di inquinamento informativo online.  🙂
  2. Sii consistente.
    Quando crei i tuoi contenuti, scava in profondità negli argomenti che tratti. Chiediti costantemente: “Quello che sto scrivendo è autorevole? È completo? Risponde a tutte le domande che si potrebbero avanzare? Io linkerei questi contenuti sul mio sito o sul mio blog?”.
  3. Sii originale.
    Cioè: non copiare. Puoi prendere ispirazione dai contenuti degli altri – perché no? Lo fanno tutti –, ma copiare è deprecabile. Tra l’altro è pure controproducente: infatti, i contenuti duplicati vengono penalizzati dai motori di ricerca.
  4. Usa le regole del web writing.
    Quando scrivi i tuoi contenuti, fa uso delle regole del web writing. La scrittura sul web è infatti molto diversa da quella per la carta. Pertanto, la tua scrittura deve adeguarsi al mezzo che usi.
  5. Sii semplice.
    Cioè: usa uno stile semplice, fatto possibilmente di frasi brevi e di parole facili da capire. Usa il gergo della tua nicchia solo se sei sicuro che i tuoi utenti lo comprenderanno senza difficoltà. Quando scrivi i tuoi testi, ricorda che per i testi esistono sia un grado di leggibilità che un grado di comprensibilità.
  6. Scrivi in italiano corretto.
    Niente errori di ortografia, di grammatica e di sintassi. I contenuti di qualità non possono permetterseli. Anche perché, a volte, basta un solo errore per compromettere la tua autorevolezza agli occhi degli utenti.
  7. Bilancia testo e immagini.
    Pagine web di sole parole rischiano di creare l’effetto muro di testo, anche se scritte usando le regole del web writing. Al contrario, pagine di sole immagini hanno poco senso. Perciò, bilancia testo e immagini nei tuoi contenuti. Usa le immagini per rendere il testo più chiaro. Usa il testo per aggiungere dettagli alle immagini.
  8. Metti i pulsanti di condivisione social.
    I tuoi contenuti dovrebbero essere condivisibili sui principali social network usati dagli utenti della tua nicchia.
  9. Evita di usare i traduttori automatici.
    Se devi tradurre un testo da una lingua straniera all’italiano o viceversa, evita di farlo usando uno dei tanti traduttori automatici sul web. Per quanto stiano diventando sempre più precisi, nessuno può ancora battere l’uomo in questo ambito. Non padroneggi quella lingua? Fatti aiutare da chi la conosce bene. I contenuti di qualità hanno bisogno di traduzioni di qualità.
  10. Pubblica video brevi.
    In realtà, c’è anche chi è completamente in disaccordo con questo suggerimento, sostenendo che, se un contenuto video è di qualità, gli utenti lo guarderanno in ogni caso, indipendentemente dalla sua lunghezza. Comunque, se pubblichi video brevi – cioè non più lunghi di tre o quattro minuti – è preferibile. Inoltre, indica sempre la durata del video vicino al link o al pulsante che serve per lanciarlo.
  11. Ottimizza la pagina web dal lato SEO.
    Quindi: ottimizza il tag title, il tag H1, il tag description, il tag keywords e valuta quale altre ottimizzazioni SEO on-page  si rendono necessarie perché i tuoi contenuti siano di qualità anche da quel punto di vista.
  12. Prima di pubblicare online, rileggi.
    Quando hai finito di creare i tuoi contenuti di qualità, rileggili. Per esempio, verifica che non ci siano errori di ortografia o refusi. Altro esempio di verifica: hai ottimizzato bene la keyword primaria del tuo contenuto?

 

Dopo aver scritto questa lista, sono andato sullo Strumento per le parole chiave di Google. Volevo controllare quante persone cercano la keyword contenuti di qualità. Risultato: nessuno la cerca! Le cose sono due: o tutti scrivono già contenuti di qualità – e quindi ho perso tempo nello scrivere questo post 🙂 – oppure, nonostante tutte le raccomandazioni, c’è ancora tanta, troppa indifferenza verso la qualità sul web.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*