Come pubblicizzare un blog: 30 consigli per promuovere il tuo blog

come pubblicizzare un blogCreare contenuti di qualità per il proprio blog è il primo passo per diventare autorevoli nella propria nicchia e guadagnare un buon pubblico. Ma esistono anche altri modi di aumentare il traffico web verso un blog. Un’infografica di Launch Grow Joy ci spiega quali sono (la trovi qui a destra, cliccaci sopra per ingrandirla).

Un blogger spende ore e ore nel lavoro di scelta degli argomenti da trattare, delle fonti, della creazione dei contenuti, della creazione della grafica, dell’ottimizzazione SEO dei post, della loro pubblicazione online. Ma il suo lavoro non finisce certo qui. È infatti raccomandabile che un blogger provveda a pubblicizzare il blog in modo capillare.

Prima di vedere quali sono i trenta modi di promuovere online il tuo blog citati nell’infografica, ecco quattro consigli preliminari, utili a chiunque voglia intraprendere la carriera di blogger professionista:

 

1. Non pretendere di essere chi non sei. Scrivi pensando con la tua testa e usa uno stile personale. Cioè: sii autentico, sii te stesso. Non scimmiottare un altro blogger.

2. Se vuoi aumentare il traffico web al tuo blog, sii coerente con la tua linea editoriale, anche se ciò significa pubblicare meno post. In altre parole: non pubblicare post che trattano argomenti fuori tema, solo per poter incrementare la frequenza di pubblicazione! Rimani fedele alla frequenza di pubblicazione che hai stabilito nel tuo piano editoriale.

3. In ogni post, scegli con cura le fotografie e le immagini che poi inserirai in esso. Devono essere pertinenti e originali. Non rubare le foto e le immagini di altri blogger!

4. Costruire il proprio seguito di pubblico richiede lavoro, costanza, tempo. In effetti, non si diventa blogger autorevoli da un giorno all’altro. Devi avere una mentalità imprenditoriale nel gestire il tuo blog!

 

Ciò premesso, vediamo finalmente quali sono i trenta consigli per incrementare il traffico web verso un blog. I primi cinque, riguardano l’uso dei social media. Si tratta infatti di condividere i tuoi post su:

 

1. Facebook. Pubblica il post sia sul tuo profilo personale che sull’eventuale profilo business.
2. Twitter. Posta l’articolo due-tre volte al giorno, per trenta giorni, cambiando il testo del tweet ogni volta.
3. Pinterest. Anche in questo caso, merita di essere condiviso su questo social media ogni singolo post del blog.
4. LinkedIn. Pubblica il post sia sul tuo profilo personale che nei Gruppi a cui ti sei iscritto.
5. Google Plus. Condividere ogni post su questo social media ti darà anche dei vantaggi in chiave SEO!

 

Sono piuttosto d’accordo con questi consigli rivolti ai social media. L’unica obiezione mi viene in mente per l’uso suggerito di Twitter: mi sembra troppo laborioso (e noioso per i lettori) condividere lo stesso post per un mese di fila! Penso che condividerlo tre-quattro volte nell’arco della giornata della sua pubblicazione sia sufficiente! Al limite, se il post riguarda un  tema importante e ha ottenuto parecchie attenzioni dal tuo pubblico, puoi riproporlo ogni tanto nelle settimane e nei mesi successivi. Ma un mese filato di condivisioni mi pare proprio eccessivo.

Il prossimo gruppo di consigli riguarda i siti di bookmarking. In particolare, il suggerimento è quello di condividere i post del blog su:

 

6. Stumble Upon.
7. Digg.
8. Reddit.
9. Delicious.
10. Technorati.

 

In questo caso, avrei aggiunto anche Scoop.it. Ottimo invece il consiglio che l’infografica ci dà: mai dimenticare di ottimizzare i post che condividiamo sui siti di bookmarking per le relative keyword. Si tratta di un’operazione indispensabile per essere trovati dagli utenti web di questi siti.

Il prossimo gruppo di indicazioni riguarda la condivisione dei post del blog all’interno della propria sfera di contatti. In sostanza, si tratta di pubblicizzare il proprio lavoro di blogger attraverso questi canali:

 

11. Newsletter. Inserisci nella tua newsletter il tuo ultimo post.
12. Forum. Condividi i tuoi post nei forum a cui partecipi.
13. E-mail. Aggiungi il tuo ultimo post nella firma delle tue e-mail (usando Wisestamp).
14. E-mail 2. Manda il tuo ultimo post ai tuoi contatti, chiedendo loro di darti un feedback.
15. RSS. Ovviamente, sul tuo blog ci deve essere la possibilità di abbonarsi via feed RSS!

 

Devo dire che alcune delle tecniche suggerite sopra mi paiono un po’ spam. Tranne quella dei feed RSS, le altre le userei con un po’ di cautela. È infatti molto facile passare il limite dell’opportuno, ottenendo così l’effetto opposto a quello desiderato!

Il prossimo blocco di consigli concerne invece gli interventi che si possono fare su altri blog della propria nicchia tematica, per convogliare più traffico web verso il proprio progetto online.

 

16. Commenta altri blog. Tali blog devono essere in tema e autorevoli. Inserisci nella firma del tuo commento il link al tuo blog.
17. Pratica il guest blogging. Scrivi un guest post per un blog autorevole della tua nicchia.
18. Domanda a blogger influenti di linkare nei loro blog un tuo post particolarmente interessante.
19. Crea post che siano il commento o l’approfondimento di contenuti di qualità di blog autorevoli.
20. Scambia link con altri blogger.

 

Attenzione al gruppo di suggerimenti appena presentato. Alcune di queste tecniche potrebbero essere interpretate come spam da Google. Soprattutto lo scambio di link: è qualcosa che va fatto con estrema cautela. Anche i commenti nei blog non devono assomigliare in alcun modo a un’attività di spam su larga scala.

L’ultimo gruppo di consigli riguarda la pubblicizzazione del blog in più direzioni. Ecco quali:

 

21. IFTTT.com
22. BlogCatalog.com
23. DemandStudios.com
24. Amazon.com
25. NetworkedBlogs.com
26. Alltop.com
27. Scribania.com
28. Syndic8.com
29. EvanCarmichael.com
30. Outbrain.com

 

Nel caso di un blogger italiano, questo suggerimento potrebbe più o meno equivalere a iscrivere il proprio blog a siti web organizzatori di contenuti e di news come, per esempio, Liquida. In questo caso, la raccomandazione è quella di stare attenti a non creare contenuti duplicati, per non incorrere in una penalizzazione da parte di Google!

Questi erano i trenta modi di promuovere un blog consigliati da Launch Grow Joy. Che cosa ne pensi? Secondo te, è davvero efficace pubblicizzare i propri post in questi modi? A tuo giudizio, ne esistono altri che sono più semplici o più efficaci? Lascia un commento e spiegaci come fai, in qualità di blogger, a pubblicizzare i post del tuo blog!

 

Vuoi vendere più prodotti o servizi
con il blog aziendale?
Vuoi promuovere la tua azienda
attraverso un blog?
>>> Contattami e parliamone! <<<

 


come pubblicizzare un blogQuesto post sui 30 migliori consigli su come pubblicizzare un blog aziendale è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da più di 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content creator. Dal 2011, gestisco questo mio business blog personale, visitato da migliaia di persone ogni giorno. Sono anche l’autore del libro “Scrivere per il web 2.0”.
Vuoi contattarmi per sapere come scrivere contenuti di valore per il tuo pubblico? Puoi farlo compilando il form in questa pagina!

Loading Facebook Comments ...

7 pensieri su “Come pubblicizzare un blog: 30 consigli per promuovere il tuo blog

  1. ecoAutoMoto

    L’infografica è davvero ben fatta, forse è più adatta ad un sito inglese che italiano, andrebbe adattata. Sicuramente la prima parte è perfettamente condivisibile. Io avrei puntato l’attenzione anche sui fattori interni al sito, come l’uso di una newsletter, la creazione di una piccola community o l’incentivo a commentare.

    Rispondi
  2. Francesca

    Ho letto con molto interesse questo articolo. Da poco ho aperto un blog ed essendo veramente una neofita in materia mi fa piacere leggere e ricevere consigli su come migliorare la visibilità del blog.
    Un argomento che mi è particolarmente ostico è l’ottimizzazione SEO, ho tentato di capirci qualcosa seguendo qualche tutorial e la guida di Blogger ma non sono riuscita a ricavare granché. Avresti qualche dritta veloce e semplice (io parto proprio da zero!) da suggerirmi?!
    Grazie mille 🙂

    Rispondi
    1. Alessandro Scuratti Autore articolo

      Ciao Francesca,

      Gli elementi di SEO su cui ti direi di concentrarti, visto che sei agli inizi, sono questi:

      1) Il tag title (qui trovi un mio post ad hoc: http://comunicaresulweb.com/seo/come-ottimizzare-tag-title-motori/).

      2) Il tag H1 (http://comunicaresulweb.com/seo/tag-h1/ e che comunque io scrivo sempre identico al tag title).

      3) L’inserimento di immagini, video, presentazioni, infografiche e così via nei tuoi post (affinché Google li reputi più completi, informativi e multimediali possibile). Le immagini, in particolare, vanno ottimizzate così: http://comunicaresulweb.com/web-writing/come-ottimizzare-immagini-sito-blog-seo/.

      4) Le keyword su cui puntare (http://comunicaresulweb.com/seo/scegliere-le-keyword-da-ottimizzare/).

      5) La scrittura di contenuti di qualità. Cosa che avrei dovuto in realtà indicare per prima, poiché i contenuti di qualità sono il modo migliore per pubblicizzare un blog e per rendere un blogger autorevole nella sua nicchia.

      Mi rendo conto che ho messo molta carne al fuoco. D’altro canto, ho cercato di fare una selezione delle cose per te più utili ora.

      Se hai qualche dubbio, scrivimi usando il form contatti di questo blog.

      Ciao!

      Rispondi
  3. Luca Spinelli

    Ciao Alessandro!
    Stavo vedendo Technorati ma mi sfugge il modulo con cui poter sottoporre il mio blog, saresti in grado di darmi maggiori indicazioni? Sbaglio oppure il sistema è un po’ macchinoso?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*