20 aspetti da migliorare per far funzionare il tuo e-commerce

e-commerce trucchiQuali sono i fattori che influenzano la psicologia dei clienti online? Esistono degli aspetti sui quali i proprietari di un e-commerce dovrebbero concentrarsi per soddisfare le esigenze dei propri consumatori? Esistono suggerimenti per convertire e massimizzare le vendite via web?

Vendi prodotti online? Hai un e-commerce ma ti sei addentrato da poco in questo mondo che per te è totalmente nuovo? Ecco allora un’imperdibile lista di venti elementi su cui puntare per avere successo nelle vendite online, al fine di offrire agli utenti un’esperienza piacevole sotto ogni punto di vista e di dare un vero slancio al tuo commercio elettronico.

Prima di cominciare, tutti coloro che lavorano nel mondo degli e-commerce dovrebbero chiedersi: come reagiscono i consumatori quando navigano sul sito web di un e-commerce?
Questa infografica ha analizzato le reazioni dei clienti online, e quindi prova a dare alcune basilari linee guida per migliorare il tuo negozio sul web.

 

#1 Il design del sito

Partiamo dai fatti: è stato dimostrato che ben il 93% dei consumatori considera l’estetica un fattore rilevante per fare un acquisto su un sito. Il 52% degli utenti web, invece, tende ad abbandonare il sito in questione quando non ne gradisce l’aspetto, basando la propria opinione quasi esclusivamente sull’impatto visivo dello stesso, sostenendo che un design ben curato trasmette un rassicurante senso di affidabilità.

#2 L’utilizzo di video

Avere una prova quanto più concreta possibile di ciò che stai per comprare – senza poterlo valutare con mano – è ormai un elemento indispensabile, e quale migliore strumento dei video per mostrare un oggetto in vendita? Attraverso i video puoi spiegare come funziona e se può fare al caso del cliente: il 58% dei consumatori ritiene più affidabili le aziende che producono video dei propri prodotti.

#3 L’usabilità del negozio online

Un e-commerce semplice da utilizzare, ben organizzato, fruibile, e piuttosto chiaro nelle descrizioni dei prodotti in catalogo è davvero necessario per avere una sostanziosa clientela. Devi puntare a velocizzare la navigazione tra una pagina web e l’altra, e fornire le informazioni più importanti riguardo un oggetto nella prima area che viene visualizzata da un utente: le statistiche confermano che solo questi due accorgimenti aumenterebbero dell’83% il ROI.

#4 La velocità di caricamento

E a proposito di velocizzare la navigazione, è consigliabile ottimizzare anche le pagine web e il loro relativo caricamento: Amazon ha scoperto che, per ogni 100 millisecondi di attesa del caricamento di una pagina, le vendite calano dell’1%, così come il 65% dei consumatori di tutto il mondo non è disposto a spendere più di 3 secondi per l’attesa del caricamento di un sito web.

#5 Le opzioni di pagamento

Ormai è chiaro a tutti: PayPal è sinonimo di garanzia e sicurezza, per questo motivo è una delle scelte più amate da chi effettua acquisti online! I venditori che promuovono i pagamenti attraverso PayPal nelle prime pagine del sito (e non solo) hanno registrato un aumento dell’utilizzo dell’e-commerce del 30%, con relativa influenza positiva sulle vendite.

#6 La sicurezza nei pagamenti

I consumatori online sono sempre più accorti e attenti a dove spendere i propri soldi, sanno dove è più sicuro fare compere anche grazie alla presenza di sigilli di garanzia come il rinomato sigillo Netcomm, ma anche l’E-commerce Europe Trustmark: lavora per ottenerne uno!

#7 L’abbandono del carrello…

Bisogna fare molta attenzione anche a questo aspetto dell’e-commerce: è stato stimato che il 56% dei clienti abbandona il processo di acquisto online se la spesa non corrisponde al prezzo d’aspettativa, con una media registrata del 68.63% di abbandoni del carrello.

#8 La politica di reso

Sai che il 63% dei consumatori prima di effettuare un acquisto presso un e-commerce controlla la politica sui resi? Questo perché i clienti vogliono essere sicuri che in caso di problemi con la merce ci sarà disponibilità a risolvere la situazione. Il 48% dei clienti online preferisce acquistare più volte da rivenditori che offrono un processo di reso semplice e assistito (ancora una volta, prendi esempio da Amazon).

#9 L’assistenza clienti

Mai trascurare neppure l’assistenza clienti: più della metà dei consumatori online preferisce avere un contatto telefonico con l’azienda, considerando la qualità dell’assistenza clienti, la disponibilità, e la professionalità degli operatori come un indice di quanto la società stessa tenga ai suoi clienti, nuovi o affezionati che siano.

#10 La live chat

Nonostante ciò, viene premiata anche la presenza di una live chat all’interno del sito, sinonimo di disponibilità dell’azienda e di una possibilità di contatto immediato in caso di problemi o di dubbi sulla merce.

#11 Le recensioni dei clienti

Hai notato che i più grandi e-commerce stanno tutti puntando all’integrazione delle recensioni dei clienti? Questo accade perché le recensioni di coloro che hanno realmente acquistato un prodotto aumentano del 18% le vendite: il 77% dei clienti, infatti, legge le recensioni degli altri prima di effettuare un acquisto online.

#12 Le testimonianze

Inoltre, aggiungere le testimonianze dei clienti sull’intera esperienza d’acquisto nel negozio online aumenta le conversioni del 34%, con un 29% di clienti che pensa che le testimonianze siano davvero fondamentali per un brand per costruire credibilità.

#13 I clienti affezionati

I clienti abituali non vanno mai trascurati: è stato dimostrato che possono essere 6 volte più interessati a provare un nuovo prodotto o servizio appena disponibile, 7 volte più inclini a rispondere alle offerte promozionali del brand, e apprezzano 4 volte di più quando un’azienda cerca di raggiungerli.

#14 L’ottimizzazione mobile

Ormai non si può più prescindere dall’ottimizzazione mobile di un sito, a maggior ragione se si tratta di un e-commerce: il 75% dei clienti online abbandona un sito se non è ottimizzato per la navigazione da mobile, ricorrendo proprio ai dispositivi mobili per valutare un nuovo acquisto.

#15 I coupon e gli sconti

Il 40% degli shoppers dichiara di preferire sconti su un acquisto in corso rispetto alla partecipazione a programmi fedeltà, raccolte punti, o prodotti in omaggio nel carrello degli acquisti, mentre credono che i coupon digitali possono avere un impatto davvero positivo sul brand dell’azienda.

#16 Le spedizioni gratuite

Una delle cose preferite da chi effettua acquisti online è di certo la tranquillità di poter contare su spese di spedizioni gratuite: non deludere i tuoi utenti con poca trasparenza, ma fai in modo che sia sempre ben chiara la soglia minima di acquisti per poter usufruire di spedizioni gratuite.

#17 I programmi fedeltà

Anche se non è tra le caratteristiche preferite dai consumatori online, organizzare programmi fedeltà potrebbe aiutare a fidelizzare i clienti: sembra infatti che, grazie a questi ultimi, i clienti che effettuano acquisti multipli realizzano il quinto acquisto con un valore superiore del 40% rispetto al primo, e il decimo sarà l’80% più impegnativo rispetto al primo.

#18 Il ruolo dei social media

Dalle statistiche emerge che il 37% dei clienti online indica che l’attività di social media marketing non è un fattore di particolare influenza nel processo d’acquisto, così come solo il 7% dei consumatori online crede che il blog di un’azienda sia molto importante nella decisione di un acquisto.
Focalizzarsi soltanto sull’attività dei canali social o sulla produzione di contenuti per il blog aziendale non aiuta le vendite in modo esclusivo, quindi, ma di certo curare ogni aspetto del web marketing per un e-commerce oggi è di fondamentale importanza.

#19 Aziende con responsabilità sociale

I clienti tengono molto anche all’ambiente e a tematiche sociali, dimostrandosi così più propensi ad acquistare da un brand noto come rispettoso dell’ambiente, e disposti in questo caso anche a sborsare qualcosa in più per questo valore aggiunto.

#20 I piccoli rivenditori sono da preferirsi

Sei un piccolo rivenditore e temi la stracciante concorrenza dei grandi colossi dell’e-commerce? Niente di più sbagliato, dal momento che i clienti online preferiscono i rivenditori piccoli e locali, in quanto tra le pagine del loro e-commerce possono acquistare prodotti unici e introvabili, volendo inoltre supportare gli affari della comunità locale.

 

Se stai gestendo un e-commerce, ora sai su quali cardini agire per avere una clientela abbondante e soddisfatta: hai già provato a focalizzarti su questi aspetti? Che risultati hai ottenuto da questo intervento? Lascia un commento per dire la tua!

 


e-commerceQuesto articolo che indica venti aspetti da migliorare in un e-commerce per renderlo uno shop online realmente profittevole è stato scritto da Maria Grazia Tecchia, content creator professionista e grande appassionata di smartphone, tablet, computer e, più in generale, di qualsiasi device tecnologico.
Oltre che un’esperta di comunicazione sul web e marketing online, Maria Grazia è anche l’autrice di Tecnologia 360, blog in cui ha coniugato l’arte della scrittura per il web alla sua passione per tutto quello che è accessorio tecnologico.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*