3 cose che la tua azienda deve fare nel 2017

marketing aziendaSei un imprenditore o un direttore marketing? Questo post di fine anno l’ho scritto pensando proprio a te. Ci troverai tre indicazioni che sono obiettivamente utili e che ti permetteranno di iniziare con la marcia giusta il nuovo anno. Si tratta insomma di tre cose che ti suggerisco spassionatamente di considerare con attenzione. Mi sbilancio: la tua azienda non può evitare di dedicarsi a queste cose nel 2017.

Non ti farò un elenco troppo complicato. Ti parlerò in termini semplici, spiegandoti quali sono, secondo la mia esperienza, tre delle cose più efficaci che puoi fare per il tuo business dal primo gennaio 2017. Se già le stai facendo, buon per te: di certo avrai già iniziato a goderne i benefici. Se però non le hai nemmeno pianificate, è ora di accelerare. Anche perché è probabile che i tuoi concorrenti non siano rimasti a guardare. Non gli regalare un ulteriore vantaggio in termini di tempo: potrebbe trasformarsi in un vantaggio competitivo incolmabile.

 

  1. Comincia a fare marketing, ma quello serio!

    Ti faccio qualche domanda a bruciapelo: qual è il posizionamento della tua azienda sul mercato? Qual è la sua percezione da parte del target a cui si rivolge? Qual è insomma l’identità della tua società, vale a dire ciò che la differenzia dai concorrenti, rendendo unica la sua proposta? Ecco, se di fronte a queste domande ti sei trovato in difficoltà, è probabile che tu non stia facendo un marketing efficace per il tuo business. E questo è un problema serio.
    Ignorare il marketing è un grosso rischio, per tutte le aziende, dalle più minuscole PMI fino ai grandi brand. Perché il marketing ha a che fare con la strategia con cui un’impresa si pone sul mercato. Il marketing è a monte di una gran quantità di attività che riguardano i business, di qualsiasi tipo essi siano. Se non fai marketing, rischi di agitarti più che di agire. Se non fai marketing, rischi di venire superato e battuto da chi il marketing lo fa.
    Come rimediare? Ti propongo di investire una cinquantina di euro in questi tre libri di Al Ries e Jack Trout, che ti aiuteranno a fare marketing in chiave sia moderna che efficace: Le 22 immutabili leggi del marketing, La guerra del marketing e Il posizionamento.
    Oggi come oggi, è impensabile che un’azienda non faccia marketing o che ne faccia uno approssimativo. Ne va della sua sopravvivenza. Se poi, oltre al marketing, tu decidessi anche di fare content marketing, la tua impresa otterrebbe il massimo del beneficio, non solo in termini di visibilità ma anche di incremento del fatturato.

  2. Pensa a mettere in piedi un sistema di acquisizione clienti

    Ecco un’altra domanda a bruciapelo: hai un sistema di acquisizione clienti nella tua azienda? Ti chiedo se esiste in azienda un sistema fatto di processi e azioni pianificate con cui trovare nuovi clienti. Oppure tu e il tuo team vi affidate al caso o giù di lì?
    Se nella tua impresa non esiste un sistema di acquisizione clienti, la situazione è grave. Perché vuol dire che non fate lead generation. I clienti arrivano a voi grazie al passaparola o a iniziative personali. Non c’è però alcunché di organizzato.
    Ti assicuro che, se la tua società avesse studiato un sistema preciso e condiviso per acquisire nuovi clienti, le cose andrebbero decisamente meglio. Ecco dunque un altro compito che ti devi dare per l’anno nuovo.

  3. Smettila di buttare soldi in pubblicità d’immagine

    Oramai hai capito il gioco: è il momento di un’altra domanda a bruciapelo. E stavolta la domanda è questa: qual è il ROI della pubblicità che compri sui giornali e sulle riviste? Qual è il ritorno degli spazi che comperi sui cartelloni pubblicitari o quello dei volantini che fai stampare? Quanto ti fruttano gli spot pubblicitari alla radio o alla tv locale? Scommetto che non mi sai dare una risposta precisa. Forse non hai addirittura idea della risposta da darmi.
    Non temere, sei in buona compagnia. Molti imprenditori spendono soldi in pubblicità d’immagine, ma poi non sanno quantificare il riscontro commerciale dei loro investimenti. E non è un caso. In effetti, la pubblicità d’immagine ha due gravi difetti. Il primo è che non funziona più: le persone sono così esposte a messaggi pubblicitari di ogni tipo che sono oramai vaccinate ai messaggi commerciali tradizionali. Il secondo è che la pubblicità d’immagine non è misurabile. Per esempio, non saprai mai con esattezza se un cartellone pubblicitario ti ha portato guadagni e, se sì, quanti.
    L’antidoto a questo veleno si chiama digital marekting. Se promuovi il tuo business online, hai due grandi vantaggi. Il primo è che, sul web, tutto è tracciabile e misurabile. In altre parole: sai esattamente qual è il ROI prodotto da ogni centesimo della tua pubblicità online. Il secondo vantaggio è che, sempre sul web, riesci a individuare con precisione chirurgica il tuo target di potenziali clienti. Immagina cioè di poter arrivare solo ai consumatori o alle aziende che hanno l’identikit dei tuoi clienti migliori. Senza alcuna dispersione del budget verso chi non è interessato a ciò che vendi. Riuscirai così a coinvolgere solo chi è perfettamente in target. Riesci a comprendere i benefici che ne ricaverà la tua azienda?

 

Ecco, questi erano i miei tre suggerimenti agli imprenditori e ai direttori marketing per incominciare il 2017 con il piede giusto. Come vedi, si tratta di indicazioni ragionevoli e, soprattutto, utili. Se non le hai ancora messe in pratica nella tua azienda, è ora di iniziare. Anche perché, sennò, corri dei pericoli. Immagina infatti che un tuo concorrente cominci a fare marketing come si deve, si doti di un robusto sistema per generare nuovi clienti e smetta di fare pubblicità d’immagine, concentrandosi sul web marketing. Sii sincero: se facesse tutto questo, ti metterebbe nei guai o no?

 

Vuoi vendere più prodotti e servizi?
Vuoi aumentare il tuo fatturato?
>>> CONTATTAMI E PARLIAMONE! <<<

 


digital marketingQuesto post sulle tre cose che devi iniziare a fare nel 2017 per rendere la tua azienda (o il tuo business) più prospera è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da più di 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, che raccoglie migliaia di visite al giorno. Sono autore del libro Scrivere per il web 2.0.
Vuoi contattarmi per saperne di più su come fare content marketing in modo efficace sul tuo blog aziendale? Vuoi scoprire come intercettare i bisogni del tuo target di consumatori e generare lead caldi e in target in modo continuativo? Contattami e ti dirò come fare acquisizione clienti!

Loading Facebook Comments ...

Un pensiero su “3 cose che la tua azienda deve fare nel 2017

  1. Francesco Furlone

    Ottimi suggerimenti da mettere in pratica per chi non vuole trovarsi indietro rispetto ai propri concorrenti. Credo anche che fare un piano di marketing possa contribuire a fare la differenza per le aziende, permettendo di delineare la situazione completa del mercato di riferimento, dei concorrenti e delle richieste dei propri clienti, facendo poi delle analisi dei risultati, ovviamente. Così da applicare con criterio i consigli che tu hai offerto. Altrimenti sarebbe come andare a tentativi senza avere una direzione da raggiungere.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*