Devi creare il sito aziendale? Leggi queste 10 statistiche!

creare sito web usabileStai per mettere online il sito web della tua azienda o il relativo e-commerce oppure un corporate blog? Fermati un attimo! Hai curato proprio tutti i dettagli che contano? Oppure ti sei fattoi prendere dalla fretta e dall’approssimazione? Ti dico così perché i tuoi risultati di business dipendono proprio dalla cura con cui hai realizzato il tuo progetto web.

Per esempio, lo sai che creare un sito istituzionale o un blog aziendale che rispetti le principali norme della web usability può aiutarti a massimizzare la lead generation? In altre parole: non puoi trascurare il design e l’architettura del tuo sito, se vuoi vendere online. Non basta quindi saper scrivere per vendere – anche se è una prerogativa altrettanto indispensabile. È fondamentale progettare un sito usabile, cioè che offra un’esperienza di navigazione soddisfacente ai visitatori.

Il team di Crucial ha raggruppato in un’infografica – quella qui sopra, cliccaci sopra per ingrandirla – dieci statistiche che non puoi assolutamente ignorare se vuoi creare un progetto web che funzioni davvero e che ti permetta di ottenere risultati che impattino sul ROI. Eccole qui di seguito:

  • L’89% dei consumatori fa una ricerca sul web prima di prendere la propria decisione d’acquisto.
  • Il 60% degli utenti web si reca sul sito istituzionale dell’azienda – oppure sul sito del prodotto venduto dall’azienda – a cercare informazioni utili sia sulla società produttrice che sul prodotto da acquistare.
  • Il 75% degli utenti web dichiara che il web design di un sito aziendale influenza la credibilità che il brand ha ai loro occhi.
  • 17-50 millisecondi è il lasso di tempo in cui un utente web decide se un sito gli piace oppure no.
  • 100-400 millisecondi è la durata media di un battito di ciglia.
  • 2,6 secondi è il tempo medio in cui un utente web si fa una prima impressione complessiva di un sito.
  • Il 94% delle prime impressioni che ci facciamo sono collegate al design. In particolare, il web design che va contro ciò che gli utenti si aspettano di trovare in un sito – cioè quelle che sono oramai le loro consuetudini di navigazione – può influenzare molto negativamente la loro esperienza di navigazione. Questo significa che infrangere uno standard in nome della creatività può risultare molto pericoloso.
  • Gli internauti dedicano davvero poco tempo – pochi secondi di attenzione – agli elementi del layout del tuo sito, cioè al menu di navigazione, al campo della ricerca, al logo aziendale ecc.
  • Gli utenti del web non sono più così riluttanti nei confronti dello scrolling verticale: nel 76% delle pagine gli utenti fanno scroll verso il basso. Ma anche: il 66% della loro attenzione è dedicata a contenuti “sotto la piega” e il 22% delle pagine web viene percorsa fino in fondo.
  • Il responsive design è diventato assolutamente indispensabile: oramai smartphone e tablet sono diffusissimi e ampiamente utilizzati. In effetti, il 67% degli utenti è più propenso a concludere un acquisto da un sito che è anche mobile friendly, il 48% degli utenti che hanno avuto una pessima user experience connettendosi via mobile a un sito proietta l’esperienza negativa sul business aziendale, il 62% delle aziende che hanno un sito fruibile da mobile ha riscontrato un incremento delle vendite.

Ecco, questi erano dieci suggerimenti per creare un sito web aziendale o un business blog che ottiene risultati. Se li ignori, lo fai a tuo rischio e pericolo: stai in pratica lasciando soldi sul tavolo per la concorrenza!

Non dimenticare poi di fare content marketing. In effetti, avere un sito web o un blog non è sufficiente perché tu venda online. Occorre renderlo visibile sul web, e questo lo si ottiene con il marketing dei contenuti e il SEO copywriting. Su questo tema, puoi leggere per esempio il mio articolo su come trovare nuovi clienti online.

E tu, come la vedi? Devi mettere online il tuo sito web aziendale e hai pensato alla web usability? Oppure l’hai già realizzato e hai capito che ci devi rimettere mano perché non è abbastanza efficace in termini di usabilità? Dai, lascia un commento qui sotto e di’ la tua!

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*