Archivio tag: gulpease

Indici di leggibilità: altre considerazioni

Scala Gulpease

Scala Gulpease

Dopo il post di ieri, continuo a parlare dell’importanza – sulla carta e sul web – di scrivere in modo leggibile per i nostri lettori.

Gli indici di leggibilità misurano l’efficacia della nostra scrittura. Essa varia a seconda dell’abilità di chi scrive e del grado d’istruzione di chi legge.

Nell’immagine a destra si può vedere come cambia la comprensione di un testo a seconda di come variano i due parametri.

Volete sapere quale grado di leggibilità hanno i vostri testi? Prendetene un vostro testo e provate ad andare su questo blog per capire se siete chiari o no.

Da notare che il grado di comprensione di un testo dipende anche dalla lunghezza delle frasi e del numero di sillabe delle parole usate. Più le frasi sono brevi, più il testo è comprensibile. Più le parole sono corte, più è probabile che siano di uso comune, e perciò più comprensibili.

Frasi leggibili: indici di leggibilità

Scriviamo, scriviamo… Ma siamo sicuri di essere capiti da chi ci legge? Qual è la leggibilità dei nostri testi?

Esistono due formule che misurano la leggibilità di un testo.

1. Formula di Flesch, adattata da Roberto Vacca alla lingua italiana:

Facilità di lettura = 206 – (0.65 x S) – W

Dove S è il numero di sillabe su un campione di 100 parole e W è la media di parole per frase.

Un testo è ad alta leggibilità se il risultato è superiore a 60, a media leggibilità se è tra 50 e 60, a bassa leggibilità se è inferiore a 40.

2. Formula Gulpease:Facilità di lettura = 89 – (LP : 10) + (FR x 3)

LP è il numero di lettere di un campione qualsiasi di testo, moltiplicato per 100 e diviso per il numero totale di parole del campione. FR è il numero di frasi del campione di testo, moltiplicato per cento e diviso per il numero totale di parole del campione.

I lettori con un’istruzione elementare leggono facilmente i testi con un indice tra 80 e 100. I lettori con un’istruzione media leggono facilmente i testi con indice tra 60 e 80. I lettori che hanno un’istruzione superiore leggono facilmente i testi con indice tra 40 e 60.

Nel prossimo post ulteriori considerazioni sulla leggibilità dei testi.