A che punto è Twitter? Vale la pena usarlo nel 2019?

Twitter per le aziendeSotto i riflettori ci sono sempre i soliti nomi: Facebook, YouTube, LinkedIn e Instagram. Nessuno parla più di Twitter. Eppure è ancora uno dei social network più conosciuti e usati al mondo.

Sì, certo, ha attraversato vari momenti di difficoltà negli ultimi anni. Tuttora pare in stallo. Anzi: sembrerebbe in leggera decrescita. Poco più di un anno fa, si diceva perfino che fosse in vendita, ma che non ci fossero compratori disposto a rilevarlo. Queste le voci. Ma oggi? Come vanno le cose oggi?

Beh, a guardare i dati di Statista, tutto sommato sembrerebbe che Twitter tenga botta. Vale a dire che non è poi messo così male a livello di gradimento globale. Però, non si può certamente parlare di uno stato di salute invidiabile. I social che “vanno” sono oggettivamente altri. Ma lasciamo parlare le statistiche più recenti. Cominciamo da qui: quanti utenti ha Twitter nel mondo?

I dati indicano che la piattaforma tende a un leggero calo. Ad oggi, sono circa 321 milioni gli internauti che hanno un profilo personale sul social dei tweet e che sono attivi su base mensile. Siamo sicuramente lontani dai quasi 2,3 miliardi di utenti di Facebook e dal miliardo e novecento milioni di YouTube.

Quali sono le nazioni con il più alto numero di utenti su Twitter? Ecco la parte alta della classifica (sempre da Statista):

  • Gli USA hanno oltre 47 milioni di utenti
  • Il Giappone 38,6 milioni
  • La Gran Bretagna 13,6 milioni
  • L’Arabia Saudita 11,27 milioni
  • La Turchia 9 milioni
  • Il Brasile 8,57 milioni
  • L’India 7,65 milioni
  • Il Messico 7,22 milioni
  • L’Indonesia 6,43 milioni
  • La Spagna poco più di 6 milioni

E l’Italia? Qui da noi, pare che gli utenti del mezzo siano poco meno di 6 milioni (ma le stime del dato oscillano in maniera sostanziale da una fonte all’altra).

Quali sono i profili che hanno più follower nel mondo? La classica la trovi qui, ma ti anticipo che i primi tre sono: Katy Perry (che ha circa 107 milioni di follower), Justin Bieber (oltre 105 milioni di fan) e Barack Obama (un po’ più di 104 milioni di seguaci).

E ora la domanda più delicata tra tutte: vale la pena nel 2019 essere su Twitter? Sì, se conosci bene il suo funzionamento e, soprattutto, hai una strategia per sfruttare questo social. In altri termini: se sei un’azienda o un libero professionista e i tuoi potenziali clienti sono su Twitter, è utile che studi una contest strategy per intercettarli. Altrimenti, meglio che lasci perdere. Questa, del resto, è la logica di base per decidere se essere presenti o no su un qualunque social network: se sulla piattaforma ci sono anche i tuoi potenziali clienti, vale la pena presidiarla. In caso contrario, stai investendo risorse in azioni che sono poco produttive. Il che significa che stai sottraendo tempo, energie e soldi ad altri canali, che invece potrebbero darti più ritorni.

E tu, che cosa ne pensi? Sei un utente di Twitter? La tua azienda è presente sulla piattaforma? A tuo modo di vedere, che fine farà questo social? Si riprenderà oppure è destinato a una lunga e lenta agonia? Lascia un commento qui sotto per condividere con noi la tua opinione!

 

Vuoi vendere più prodotti e servizi?
Scrivi contenuti per il tuo pubblico.
>>> Contattami e parliamone! <<<

 


TwitterQuesto post sullo stato di salute di Twitter e se convenga ancora usarlo nel 2019 è stato scritto da Alessandro Scuratti, content marketing specialist e business blogger.
Da più di 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog, che raccoglie migliaia di visite ogni giorno. Sono anche l’autore di Scrivere per il web 2.0.
Vuoi saperne di più su come tu e la tua azienda potete trovare clienti online? Vuoi finalmente capire come riuscire a sfruttare il marketing dei contenuti per vendere più prodotti e servizi ai tuoi clienti? Contattami ora attraverso questo form!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*