Il 95% dei contenuti online non genera engagement

quale è l'engagement dei contenuti sui socialAltro che Principio di Pareto o Legge dell’80/20! Sul web le cose sono messe molto peggio! Un’indagine di Beckon indica infatti che il 5% dei contenuti pubblicati online dai brand ottiene il 90% dell’engagement. Di conseguenza, ciò significa che il 95% dei contenuti online creati dai brand suscita solo il 10% di engagement. Cioè: il 95% dei contenuti si divide le briciole.

Vogliamo dirlo in altri termini? Soltanto un contenuto su diciannove intercetta il target e lo stimola. Tutti gli altri contenuti sono praticamente inutili. (Quando si parla di contenuti, nello studio si fa riferimento a tutti i tipi di contenuti: testi, immagini, audio, video).

La ricerca ci dice anche che i brand producono sempre più contenuti. La crescita, calcolata anno su anno, è del 300%. L’impegno c’è, è evidente. Però, l’engagement dei consumatori è rimasto invariato. Non è cresciuto in proporzione. Tradotto: l’attenzione dei consumatori è sempre quella, non è aumentata all’aumentare dei contenuti.

Ciò è comprensibile: le persone hanno una capacità di concentrazione limitata. Bombardarle sempre di più non è la strada più efficace perché si accorgano dei prodotti (o dei servizi) dei brand.

Che bisogna fare allora? Un’azienda come deve comportarsi per trovare nuovi clienti attraverso il marketing dei contenuti? Le indicazioni sono sempre le stesse, quelle che da anni scrivo nei post di questo mio blog. Vediamo di fare un veloce riassunto.

Il primo sforzo delle aziende dev’essere quello di avere un posizionamento di marca, cioè di essere differenti dai competitor. Se la tua azienda ha un posizionamento di marca, allora si propone al mercato con un messaggio diverso dagli altri, unico. Di conseguenza, unica sarà anche la sua offerta. E l’unicità è sempre vincente. Perché ti differenzia dai concorrenti. (Se l’attenzione dei consumatori è limitata, è più facile catturarla quando ci si presenta come diversi dai soliti cliché).

In secondo luogo, bisogna creare contenuti di qualità. Vale a dire contenuti pertinenti, interessanti e utili per il target aziendale. Questo vale per qualsiasi tipo di contenuto: dai testi alle infografiche, dai video ai podcast. Occorre creare valore per il destinatario. Altrimenti non si accorgerà di noi e non aprirà il portafoglio.

Infine, bisogna anche scegliere una comunicazione adeguata. Che significa? Non basta essere percepiti come differenti. Non basta nemmeno saper creare valore. Bisogna anche comunicare quella differenza e quel valore in modo semplice e chiaro. Perché la mancata ricezione di un messaggio non è mai colpa del destinatario. La colpa è semmai dell’emittente, che non ha saputo parlare la lingua del destinatario.

Dunque, per ricapitolare: sul web funzionano i contenuti di qualità. Funzionano se la tua azienda è percepita come differente dai competitor. E se comunichi tutto questo in modo efficace.

Semplice, no? Nemmeno per sogno. In effetti, sono poche le aziende che hanno un posizionamento di marca. Altrettanto poche quelle che lo sanno comunicare online attraverso contenuti di qualità. Pensa a quante quote di mercato potresti sottrarre ai concorrenti, se la tua azienda iniziasse ad applicare queste linee guida!

La tua azienda ha un posizionamento di marca? Non importa se è una microimpresa, una piccola impresa, una media impresa oppure un grande brand: ce l’ha? È in grado di pubblicare sul web contenuti di valore? I tuoi clienti capiscono la tua comunicazione e agiscono come desideri? Riesce cioè a sfruttare il web per fare acquisizione clienti?

 

Vuoi vendere più prodotti e servizi?
Crea contenuti di valore.
>>> Contattami e parliamone! <<<

 


contenuti e engagementQuesto post che tratta il fatto che il 95% dei contenuti online non genera engagement è stato scritto da Alessandro Scuratti, content marketing specialist e business blogger.
Da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog, che raccoglie migliaia di visite ogni giorno. Sono anche l’autore di Scrivere per il web 2.0.
Vuoi saperne di più su come tu e la tua azienda potete fare lead generation online in modo davvero efficace? Vuoi finalmente capire come riuscire a sfruttare il marketing dei contenuti per avere risultati positivi sul fatturato e sugli utili, cioè per vendere più prodotti e servizi al tuo target di clienti? Contattami ora attraverso il form in questa pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*