Come funziona LinkedIn? I consigli per usare LinkedIn al 100%

come funziona LinkedInCome funziona LinkedIn? Come usare la piattaforma al meglio delle sue potenzialità e migliorare così la propria carriera lavorativa? A questi interrogativi dà risposta un’efficace infografica di Dynamic Search (a destra, cliccaci sopra per ingrandirla).

In sostanza, ci vengono ricordati alcuni dei punti principali su cui far leva per massimizzare i benefici derivanti dall’uso di questo social network. Se stai pensando di scrivere un curriculum vitae per presentarti poi a un colloquio di lavoro e trovare un nuovo ambiente in cui esprimere le tue competenze, dovresti dare un occhio a questa infografica. Lo stesso si può dire se stai cercando semplicemente di metterti in mostra su LinkedIn, aumentando le tue attività di personal branding.

Insomma: l’infografica ci spiega in pochi passaggi come funziona LinkedIn e perché dovremmo tenerlo in seria considerazione se desideriamo migliorare la nostra carriera lavorativa. Dopo tutto, è logico che prima o poi ci si ritrovi a dover organizzare la propria presenza su questo sito web, perché LinkedIn è il social network professionale più usato al mondo.

Detto ciò, andiamo ad analizzare uno a uno i contenuti che ci propone la grafica di Dynamic Search. Andiamo cioè a capire nel dettaglio quali sono i meccanismi alla base di questo social network lavorativo. Capire come funziona LinkedIn ci permetterà di sfruttarlo in maniera più proficua e valorizzare la nostra immagine professionale. E avere molta più visibilità online e opportunità di lavoro.

 

  • Una premessa. LinkedIn ha oltre 500 milioni di utenti in tutto il mondo (circa 200 i Paesi in cui LinkedIn viene usato). In Italia, gli utenti della piattaforma sono oltre 10 milioni.
  • Creare un profilo LinkedIn non significa certo creare una pagina web e sperare che, prima o poi, qualcuno ci capiti sopra apprezzando i suoi contenuti, cioè noi e la nostra professionalità. Al contrario, avere un profilo su questo social network significa possedere un pezzo di un puzzle più grande, che è costituito dall’articolato sistema su cui LinkedIn si basa. Dunque, la creazione di un profilo su LinkedIn permette di avere un gran numero di interdipendenze, per esempio con gli altri iscritti, con le aziende che hanno una pagina sul social network, con i gruppi di utenti, con le opportunità di lavoro e così via. Comprendere questo è indispensabile per capire bene come funziona LinkedIn. Insomma: la strategia che presuppone la tua presenza sulla piattaforma si deve inserire in un contesto più ampio. Comprendere questo aspetto è fondamentale per usare LinkedIn nel modo più proficuo possibile per te e per il tuo business.
  • Alcuni consigli pratici. Mostra la tua professionalità evidenziando nel profilo personale i tuoi skill professionali e le tue competenze lavorative. In sostanza: cura il tuo profilo LinkedIn in modo che offra uno spaccato preciso e chiaro di quello che è la tua esatta competenza in campo lavorativo. Traduzione: spiega in modo chiaro quello che è il tuo lavoro.
  • I collegamenti con gli altri utenti del mezzo sono l’anima di LinkedIn. In effetti, se ti chiedi come funziona LinkedIn, beh, i contatti che riesci a stabilire con gli altri utenti sono preziosissimi. Come mai? Non solo i tuoi contatti possono avere un accesso completo ai tuoi dati – e quindi conoscere meglio la tua professionalità –, ma possono essere utili allo sviluppo della tua carriera. In che modo? Solo per fare un paio di esempi: i contatti potrebbero decidere che sei la persona giusta da coinvolgere nei loro progetti di lavoro oppure, se sono persone che hanno già collaborato con te nel passato, potrebbero fare una segnalazione di merito sul tuo profilo.
  • I gruppi sono formati da utenti di questo social network che hanno qualcosa in comune, come un particolare percorso di carriera lavorativa, interessi di business simili, una specifica provenienza geografica o altro. Iscriversi a un gruppo su LinkedIn e partecipare attivamente alle sue attività può aiutarti a trovare nuovi contatti professionali, ad apprendere informazioni importanti per il tuo lavoro e a metterti in mostra (sempre che tu riesca a condividere nel gruppo contenuti utili e pertinenti per la tua nicchia professionale).
  • Il tuo profilo dovrebbe includere tra i propri contatti anche i colleghi attuali e passati. Se sei il proprietario o l’amministratore delegato di un’azienda, dovresti creare un profilo LinkedIn aziendale. In esso devi spiegare molto bene che cosa offre la tua azienda e in quale mercato opera. Quindi, il funzionamento di LinkedIn si gioca lungo due direttrici: profilo personale e profilo aziendale.
  • Le aziende spesso creano una sezione sul loro profilo LinkedIn che è dedicata alle opportunità di carriera, cioè alle posizioni lavorative attualmente aperte. Se stai cercando un nuovo lavoro, non sottovalutare queste opportunità che provengono direttamente da brand e PMI.
  • La sezione Offerte di lavoro è un altro spazio in LinkedIn in cui domanda e offerta si possono incontrare. Anche qui, il consiglio è quello di tenere in considerazione quest’area del social network. Ne potrebbero nascere delle interessanti opportunità di collaborazioni lavorative.
  • Le segnalazioni su LinkedIn sono dei veri e propri attestati di stima di chi ha lavorato con te – collega, datore di lavoro o cliente – e che riconosce il tuo talento, la tua preparazione, la tua professionalità. Perciò, un’idea per usare LinkedIn in modo efficace è quella di chiedere a chi ti conosce bene una segnalazione.
  • Anche l’area del profilo LinkedIn dedicata ai riconoscimenti e ai premi ottenuti è importante. Può servire concretamente a valorizzare la propria immagine di professionista agli occhi degli altri iscritti sul social network e a quelli delle aziende o dei brand che vi hanno stabilito una presenza.
  • LinkedIn funziona benissimo per il B2B. Se cerchi lavoro in questo settore oppure la tua azienda vende prodotti o servizi per altre aziende, è tuo dovere stare su questa piattaforma. Perché chi tutti i migliori professionisti del B2B sono soprattutto qui prima che altrove.

 

Nella sostanza, questi sono i suggerimenti che si possono leggere nell’infografica che ho condiviso. Capire come funziona LinkedIn è fondamentale per comprendere come trarre il massimo vantaggio personale dall’uso di questo social network dedicato al mondo del lavoro.

E tu che cosa ne pensi di queste indicazioni? Secondo te, i consigli dati sono utili? Li integreresti con altre dritte? Più in generale, puoi dire di aver capito bene come funziona LinkedIn? Dai, lascia un commento qui sotto e condividi con noi quelli che sono i tuoi suggerimenti per trarre il massimo profitto dalla propria presenza sul social dedicato alle opportunità per fare business!

 


come funziona LinkedInQuesto post su come funziona LinkedIn e sui consigli per usarlo al 100% delle sue potenzialità è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da più di 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog, che raccoglie migliaia di visite ogni giorno. Sono autore di Scrivere per il web 2.0.
Sei un libero professionista o un imprenditore? Vuoi saperne di più su come tu e la tua azienda potete creare contenuti di qualità ritagliati sulle esigenze dei vostri potenziali clienti e vendere più prodotti o servizi? Vuoi sapere come funziona LinkedIn e come usarlo al meglio per il tuo business? Contattami attraverso il form in questa pagina!

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*