SEO copywriting: 10 consigli per posizionarti nel 2013

seo copywritingHo visto molte infografiche sul SEO copywriting, cioè sul web writing che mira a ottenere un buon posizionamento su Google. Ma quella di Content Verve (qui a destra, cliccala per ingrandirla) è davvero ben fatta. In essa ci vengono indicati dieci preziosi consigli per scrivere contenuti web che si posizionano bene sui motori di ricerca in questo 2013.

Andiamo a vedere questi suggerimenti uno a uno. Dopo gli aggiornamenti all’algoritmo di Google introdotti da Panda e Penguin, ecco le cose che devi fare per creare contenuti di qualità capaci di posizionarsi in alto nelle SERP del motore di ricerca di Mountain View. Ignorare queste indicazioni significa rinunciare a tecniche di SEO copywriting che funzionano davvero.

 

1. Scrivi per gli esseri umani, ottimizza per gli spider

Anche Google preferisce i contenuti web scritti per gli esseri umani a quelli che presentano un’ottimizzazione SEO oltremodo spinta. D’altro canto, non c’è alcun vantaggio nell’ottenere un eccellente posizionamento nelle SERP dei motori di ricerca se poi il tuo CTR è basso perché la gente non capisce ciò che scrivi! Perciò, l’idea migliore è tenere separate la scrittura e l’ottimizzazione SEO. Quest’ultima conta parecchio, ma non va esasperata quando si tratta di scrivere i contenuti web.

 

2. Dimentica il concetto di keyword density

La keyword density è un mito resistente. Eppure niente indica che Google favorisca il posizionamento di pagine web con una particolare densità delle parole chiave in esse contenute. Perciò, la soluzione migliore è quella di scrivere i tuoi contenuti online con naturalezza.

 

3. Usa keyword correlate, sinonimi e variazioni grammaticali

Google ha la capacità di individuare contesti semantici per restituire ai suoi utenti SERP il più possibile pertinenti con le loro richieste. Perciò, anziché cedere alle lusinghe del keyword stuffing o di improbabili keyword density, puoi fare una cosa più semplice ed efficace. Usa keyword correlate, sinonimi delle keyword e variazioni grammaticali per rendere più rilevante il contesto delle tue pagine web e, di conseguenza, i tuoi contenuti.

 

4. Usa l’operatore tilde per cercare keyword correlate

Se fai una ricerca su Google mettendo l’operatore tilde davanti a una parola chiave, Google ti indicherà quali altre parole chiave considera rilevanti rispetto alla tua ricerca. Usare quelle keyword è un buon modo per rendere più pertinenti i propri articoli o post!

 

5. Scrivi contenuti di qualità, lunghi, approfonditi

L’infografica afferma che, mediamente, le pagine web posizionate al primo posto nelle SERP di Google contengono circa 2.000 parole. Inoltre, i contenuti con molti approfondimenti sono più condivisi sui social media e richiamano un maggior numero di link rispetto a quelli superficiali. Insomma: i contenuti di qualità sono oro per gli utenti web, ma anche per il sito che li ospita!

 

6. Sfrutta la coda lunga

Le keyword più importanti di un settore sono quelle generalmente più competitive. Posizionarsi bene per quelle parole chiave è difficile e richiede grossi sforzi. Esistono però moltissime keyword della coda lunga che sono molto meno competitive, ma che possono portare comunque un buon traffico di utenti web motivati a convertire verso il tuo sito. Per esempio, anziché buttarti sulla keyword “web writing”, potresti provare a ottenere un buon posizionamento con “che cos’è il web writing?”.

 

7. Rispondi alle domande degli utenti della tua nicchia

Molto spesso, gli utenti di Google digitano la loro domanda direttamente nel motore di ricerca. Cerca di intercettare le esigenze di questi utenti web, fornendo loro le risposte che cercano. Fa’ in modo che trovino sul tuo sito risposte più pertinenti e più accurate rispetto ai siti web tuoi concorrenti!

 

8. Fa’ che i tuoi contenuti web siano notati e condivisi

Le condivisioni portano traffico web e link. Forum, blog, influencer, newsletter e social media come Facebook, Twitter, Google Plus, LinkedIn: sono tutti spazi online dove la condivisione può dare risultati più che positivi.

 

9. Dacci dentro con Google Plus!

Google Plus gioca e giocherà sempre più un ruolo fondamentale per il posizionamento. Inoltre, l’introduzione dell’Author Rank sta a indicare che Google inizia a connettere i contenuti web con il loro autore. Perciò, apri un profilo su Google Plus, collega i tuoi contenuti alla tua persona, aggiorna costantemente il profilo aperto.

 

10. Cura l’ottimizzazione di tag title e tag description

Il tag title continua a essere un tag importantissimo per il posizionamento su Google. La combinazione di tag title e di tag description nelle SERP di Google è fondamentale per spingere l’utente web a decidere di fare clic sul tuo link, visitando così il tuo sito o il tuo blog aziendale. Perciò, ottimizza entrambi i tag con cura! Inserisci in essi le keyword della pagina web, senza però perdere di vista la naturalezza!

 

Che ne pensi di questi consigli di SEO copywriting? Secondo te, si possono dare anche altri suggerimenti sul web writing che fa posizionare bene su Google? Tu sei un web writer che segue già questi suggerimenti nel creare i propri contenuti di qualità? Lascia un commento per condividere con noi quali sono, a tuo giudizio, le tecniche di SEO copywriting che funzioneranno in questo 2013!

 

Vuoi vendere più prodotti o servizi?
La SEO ti aiuta in questo.
>>> Contattami e parliamone! <<<

 


seo copywritingQuesto post dedicato al SEO copywriting che permette di ottenere un buon posizionamento nelle SERP di Google è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da più di 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, che raccoglie migliaia di visite al giorno. Sono autore del libro Scrivere per il web 2.0.
Vuoi contattarmi per saperne di più su come fare content marketing in modo efficace sul tuo blog aziendale? Vuoi scoprire come intercettare i bisogni del tuo target di consumatori e generare lead caldi e in target in modo continuativo? Vuoi incrementare le vendite della tua PMI e con esse fatturato e utili? Contattami e troveremo la soluzione per fare acquisizione clienti e aumentare le vendite di prodotti o servizi della tua impresa!

Loading Facebook Comments ...

4 pensieri su “SEO copywriting: 10 consigli per posizionarti nel 2013

  1. web marketing

    La coda lunga è fondamentalmente quello che rispondo a chi sostiene che la SEO è morta dal momento che in serp ci vanno solo 10 risultati e le posizioni migliori sulle chiavi più competitive sono già solidamente prese.
    Per fortuna la coda lunga risolve quest’impasse.

    Rispondi
  2. Desdinova

    Veramente ottimi consigli su come sviluppare il SEO ed ottimizzare al megliop il proprio sito. Manca ancora qualcosa ovviamente, ma è un buonissimo inizio! Bravo.
    Daniele

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*