Google Penguin 2.0 arriva! Come cambia la SEO?

Il 2013 si diceva potesse essere per Google l’anno delle penalizzazioni. E forse ora ci siamo per davvero. In effetti, Matt Cutts sta dando in questo mese di maggio segnali inequivocabili sul lancio imminente di Google Penguin 2.0 e – cosa che avverrà un po’ più in là nel tempo – su nuovi aggiornamenti di Google Panda.

Le prime avvisaglie concrete circa l’introduzione di Google Penguin 2.0 si sono avute negli scorsi giorni. Per esempio, ecco un tweet piuttosto eloquente di Cutts che risale al 10 maggio 2013:
Ancora più eloquente il video dello stesso Cutts dello scorso 13 maggio, in cui il capo del team anti spam di Google spiega quali novità devono aspettarsi i webmaster e i SEO specialist per quanto riguarda la search engine optimization. Tali novità saranno introdotte nelle prossime settimane o al più nei prossimi mesi. Ecco il video in cui Cutts illustra tutte le prossime azioni che riguarderanno l’aggiornamento dell’algoritmo del motore di ricerca nel 2013:

 

 

Tutto ruota attorno a questa domanda: che cambiamenti dobbiamo aspettarci da Google nei prossimi mesi e quale influenza avranno sulla SEO? Qui sotto riporto gli elementi principali che emergono dalla risposta di Cutts a questa domanda. Come potete constatare voi stessi, la lista dei cambiamenti in ambito SEO è davvero impressionante!

 

  • Nuovi aggiornamenti dell’algoritmo: Google Penguin 2.0

    Nelle prossime settimane, verrà lanciato Google Penguin 2.0. Questo aggiornamento dell’algoritmo del motore di ricerca sarà più profondo e avrà un impatto più radicale, con effetti maggiori sulle SERP rispetto a quelli della precedente versione 1.0.

  • Pubbliredazionali online nel mirino

    Google non ha niente contro i pubbliredazionali online, purché siano chiaramente segnalati come tali dai webmaster. Penalizzazioni in vista per chi non si adeguerà a questa regola.

  • Pulizia nelle query infestate dallo spam

    Rispetto a quanto fatto in passato, Google rivolgerà una maggiore attenzione alle query molto legate allo spam, come per esempio le query della nicchia della pornografia.

  • Google si avvarrà di una link analysis più sofisticata

    Google incrementerà la propria capacità di analizzare i link del web, al fine di meglio comprendere i temi che sono collegati ai singoli link.

  • Più attenzione ai siti web hackati

    Google ha fatto un sacco di lavoro per capire quali sono i siti web hackati presenti nelle SERP. Cutts spiega nel video che Google sta lavorando per incrementare ancor di più la propria capacità di rilevare e segnalare i siti web violati.

  • Più visibilità ai siti web autorevoli

    Google spera di poter riuscire a premiare maggiormente, con una più adeguata visibilità nelle SERP, i siti web che sono realmente autorevoli per gli utenti della loro nicchia.

  • Nuovi aggiornamenti dell’algoritmo: Google Panda 2.0?

    Tra i siti web colpiti da Google Panda, molti rappresentano dei veri e propri casi limite, che probabilmente meritano di essere considerati diversamente dai siti giustamente penalizzati. Google sta studiando un aggiornamento dell’algoritmo affinché i casi limite che comunque rientrano nell’accettabile non subiscano delle penalizzazioni ingiuste.

  • Limiti ai domain clusters nella prima SERP

    Il numero di clusters con lo stesso nome di dominio mostrati nella prima pagina dei risultati di ricerca di Google dovrebbe diminuire. Google vuole rendere i risultati della ricerca nella sua prima pagina ancor più vari. I domain clusters saranno invece ancora possibili dalla seconda SERP in poi.

  • Una migliore comunicazione con i webmaster

    Matt Cutts spiega anche che è intenzione di Google migliorare la comunicazione con i webmaster. In che modo? I webmaster dovranno aspettarsi esempi ancora più dettagliati all’interno delle notifiche che ricevono attraverso Google Webmaster Tools.

 

Qual è il motivo per cui Google sta implementando tutti questi aggiornamenti al proprio algoritmo? Innanzitutto, Google sta cercando di fornire agli utenti del motore di ricerca risultati sempre più pertinenti con le ricerche che digitano. In secondo luogo, Google mira a penalizzare i webmaster che usano tecniche di ottimizzazione SEO black hat, dando così un vantaggio in termini di maggiore visibilità a chi invece usa tecniche SEO white hat. Insomma: il motore di ricerca vuole premiare chi rispetta le regole e penalizzare chi le aggira o le infrange addirittura.

Pertanto, se sei un webmaster che rispetta le norme stabilite da Google e che sa creare contenuti di qualità non avrai grossi problemi in questo 2013. Gli aggiornamenti dell’algoritmo non dovranno preoccuparti più di tanto: Google Penguin 2.0 e le modifiche di Google Panda non sono state pensate per penalizzare te. Se invece sei un webmaster che gioca sporco, hai di che preoccuparti, eccome.

Google Penguin 2.0 e Google Panda 2.0

Personalmente, non vedo l’ora che Google Penguin 2.0 e gli aggiornamenti di Google Panda vengano lanciati. E soprattutto: spero che il loro impatto sia davvero significativo, anche per Google.it! Le SERP del motore di ricerca dovrebbero essere davvero ripulite dallo spam, da chi gioca sporco con la SEO e da chi è incapace di produrre contenuti di qualità.

Una bella pulizia potrebbe giovare anche a tutti i web writer. O almeno: a quelli che sono davvero professionali, che amano il proprio lavoro e che sanno ottenere risultati concreti attraverso il web writing. In effetti, una disinfestazione delle SERP di Google, cioè un colpo di spugna che spazzi via tutto ciò che è immondizia, potrebbe spingere finalmente il web ad accorgersi che i contenuti di qualità sono fondamentali. E questo potrebbe portare finalmente (e meritatamente!) a un maggior riconoscimento della professione del web writer. Insomma: io spero davvero che Google Penguin 2.0 e le modifiche a Google Panda facciano il loro dovere in modo rapido ed efficace!

E tu che ne pensi di queste novità SEO? Secondo te, Gli aggiornamenti dell’algoritmo a Google Penguin 2.0 e le modifiche a Google Panda saranno veramente così efficaci come potrebbe sembrare? Come cambierà la SEO nei prossimi mesi? Sei un web writer e pensi che questi aggiornamenti all’algoritmo del motore di ricerca costituiranno una buona notizia per chi crea contenuti di qualità? Lascia un commento e condividi con noi le tue idee su come Google Penguin 2.0 e gli aggiornamenti di Google Panda cambieranno la search engine optimization in questo 2013!

Loading Facebook Comments ...

Un pensiero su “Google Penguin 2.0 arriva! Come cambia la SEO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*