Come ottimizzare le immagini del tuo sito o blog con la SEO

Ottimizzare immagini SEOAnche le immagini concorrono a determinare il posizionamento di un contenuto di un sito web, di un blog aziendale o di un e-commerce nelle SERP di Google e degli altri motori di ricerca. D’altro canto, se ben ottimizzate in ottica SEO, le fotografie e i disegni possono essi stessi posizionarsi in alto nel ranking delle ricerche per immagini dei motori.

Quindi, la domanda che ci si pone è la seguente: come ottimizzare le immagini in chiave SEO? Quando inserisci un’immagine in un sito istituzionale o in un business blog, dovresti seguire alcuni accorgimenti per fare in modo che l’immagine porti il tuo contenuto ad avere un ranking migliore. Qui sotto trovi i consigli per sfruttare al massimo le immagini dal punto di vista del posizionamento organico.

 

  • Scegli le immagini adeguate

    Scegli immagini attinenti ai contenuti della pagina. Non è strettamente un’esigenza SEO, ma è comunque fondamentale. Perché? Il compito delle immagini è supportare i contenuti testuali, aiutandone la comprensione o fornendo informazioni aggiuntive. Perciò, è importante inserire immagini attinenti ai contenuti anziché immagini generiche o di repertorio.

  • Da’ ai file un nome SEO

    Nomina il file JPEG, GIF o PNG in maniera appropriata. Cioè: nel nome dell’immagine non dimenticare la keyword per cui hai ottimizzato la pagina web che ospita l’immagine. Usa il trattino per dividere le parole che compongono il nome dell’immagine. Ti faccio un esempio: anziché chiamare un’immagine 12345.jpg, chiamala piuttosto come-ottimizzare-le-immagini-web.jpg.

  • Compila il testo alternativo

    Compila l’attributo alt text del tag img. In esso non scordare d’inserire la keyword principale della pagina web. Il testo inserito dev’essere descrittivo e non una lista di keyword. Google e gli altri motori di ricerca danno molta importanza alla presenza dell’alt text, poiché questo attributo accresce l’accessibilità della pagina. Infatti, è letto dagli screen reader usati dagli utenti con problemi di vista. L’alt text è stato pensato proprio per dare un’idea del contenuto dell’immagine.

  • Compila il title delle immagini

    Compila l’attributo title del tag img. L’attributo title serve a dare informazioni aggiuntive sulle immagini. Qui puoi scrivere qualche parola in più che nell’alt text, proprio perché ti si chiede d’essere un po’ più descrittivo. Ma non esagerare: la sintesi è raccomandata. In questo attributo inserisci anche la keyword più importante della pagina web che ospita l’immagine. Il testo inserito dev’essere di senso compiuto e non un elenco di keyword. Il title fa visualizzare un’etichetta con il testo digitato nell’attributo, quando si passa con il mouse sopra l’immagine.
    Per una corretta ottimizzazione dell’immagine, non inserire lo stesso testo negli attributi alt text e title. I due attributi hanno scopi diversi e diverso dev’essere il testo che scegli per loro. Ripeto: l’alt text sostituisce l’immagine, il title la descrive.

  • Ottimizza il peso delle immagini

    Non esagerare col peso delle immagini. I motori di ricerca tendono a penalizzare le pagine troppo pesanti, perché si caricano lentamente. Perciò, riduci il peso delle tue immagini, senza però comprometterne la loro qualità.

  • Le immagini siano vicine al testo

    Nella pagina, inserisci le immagini vicino ai relativi contenuti testuali. La prossimità tra immagini e testi correlati rafforza l’ottimizzazione sia per le une che per gli altri.

  • Ottimizza l’anchor text

    Se l’immagine è usata come link, inserisci un anchor text descrittivo che includa la keyword principale della pagina web. Il testo può essere simile a quello inserito negli attributi alt text e title, ma non dev’essere identico.

  • E per le immagini che contengono del testo…

    In generale, quando l’immagine contiene del testo, inseriscilo nell’attributo alt text. Senza però esagerare con la lunghezza. È questo il caso per esempio delle immagini usate come pulsanti nel menu di navigazione di un sito web o di un blog.

 

Ecco, questi erano i miei suggerimenti per capire come ottimizzare le immagini per un contenuto online sfruttando la SEO. E tu, come la vedi? Fai l’ottimizzazione SEO delle immagini che inserisci nei contenuti dei tuoi siti, blog o e-commerce? Hai visto quanto un’immagine ben ottimizzata può darti una spinta nel posizionamento su Google e sugli altri motori di ricerca? Lascia un commento qui sotto per dire la tua e darci i tuoi consigli su come ottimizzare le immagini per il web con la SEO!

 

Vuoi vendere più prodotti e servizi?
Crea contenuti online di valore.
>>> Contattami e parliamone! <<<

 


come ottimizzare le immagini SEOQuesto post su come ottimizzare le immagini per il web con la SEO è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da più di 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, che raccoglie migliaia di visite al giorno. Sono l’autore del libro Scrivere per il web 2.0.
Vuoi contattarmi per saperne di più su come ottimizzare le tue immagini e i tuoi contenuti online e fare content marketing in modo efficace? Vuoi scoprire come intercettare i bisogni del tuo target di consumatori e generare lead caldi e in target in modo continuativo? Vuoi incrementare le vendite della tua PMI e con esse fatturato e utili? Contattami e troveremo la soluzione per fare acquisizione clienti e aumentare le vendite di prodotti o servizi della tua impresa!

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*