Perché i tuoi contenuti non devono andare in ferie (ma tu sì)

contenuti webAnche qui in Brianza è arrivata l’estate. Fa davvero caldo, e andare a correre prima di cena comincia a pesarmi un po’. Fra pochi giorni mi sposterò in Valcamonica, al fresco: continuerò a lavorare da lì. Mi godrò anche l’estate, visto che è giusto riposarsi un po’. Anche perché mi aspetta un autunno intenso, di cui vi racconterò per tempo.

C’è una domanda legata al periodo estivo che si fanno tutti i content marketer: posso smettere di produrre contenuti web da metà luglio fino ai primi di settembre? Posso cioè mandare in ferie il mio sito web, il mio blog aziendale e i miei profili sui social network? La mia risposta a questo interrogativo è perentoria: ASSOLUTAMENTE NO!

Quello che sto per dire vale sia per i liberi professionisti che per i direttori marketing e gli imprenditori: il tuo content marketing non deve mai andare in ferie! Tu puoi anche riposarti qualche settimana, ed è giusto che sia così, perché tutti abbiamo il diritto di ricaricare le pile. Però i tuoi contenuti web devono continuare a essere pubblicati. Magari con una frequenza ridotta, se proprio non riesci a seguire i ritmi soliti, però non devi arrestare completamente la pubblicazione di contenuti di qualità.

In fin dei conti, se ci pensi bene, mantenere in moto la macchina dei contenuti si riduce a una pura questione di organizzazione: se riesci a portarti avanti con la produzione di articoli e post per il tuo sito e per il tuo corporate blog, ad agosto dovrai semplicemente mettere online i contenuti che avevi in ghiacciaia. Insomma: il lavoro che dovrai fare durante le ferie consisterà solo in qualche clic. Nulla di più facile, anche se stai sotto un ombrellone o sotto un abete di montagna.

Forse sono troppo esigente? Forse ti sto chiedendo troppo? Forse sono esagerato? Non credo. Dico così perché sono davvero convinto che tu non debba mai fermare la tua produzione di contenuti web, men che meno nei periodi di vacanza. E ora ti spiegherò come mai c’è bisogno che tu dia continuità al tuo lavoro di content marketer.

Ecco i quattro motivi per cui è bene che tu continui a pubblicare contenuti web anche durante le prossime ferie:

 

  1. I potenziali clienti non smettono di cercare soluzioni ai loro problemi

    Mentre tu hai messo il cartello “Chiuso per ferie” alla tua presenza online, i tuoi potenziali clienti continuano invece ad aver fame di contenuti di qualità. Anche se sono in vacanza come te, continuano a cercare prodotti e servizi che gli risolvano i problemi. Magari li cercano con più impregno proprio adesso che sono in ferie, perché hanno tutto il tempo per farlo! E tu che stai facendo nel mentre? Proprio ora hai deciso di mandare in vacanza la tua presenza online?

  2. I contenuti che posti lavorano per te anche se tu sei in ferie

    Il bello dei contenuti che pubblichi online è che lavorano per te ventiquattro ore su ventiquattro, tutti i giorni dell’anno, vacanze e festività comprese. Tu non sai quando un potenziale cliente farà una ricerca su Google per cercare la soluzione a un problema che i tuoi prodotti o servizi possono risolvere. Ma i tuoi contenuti saranno lì, pronti a farsi trovare, a farsi leggere, a fornire valore al tuo potenziale cliente e, in ultima analisi, a fargli preferire te ai tuoi concorrenti. Alla luce di tutto ciò, ti conviene davvero smettere di creare contenuti da luglio fino a settembre?

  3. Creare regolarmente contenuti ti dà vantaggi in chiave SEO

    Google ama i siti che pubblicano contenuti web sempre nuovi. In effetti, un sito con contenuti sempre aggiornati, cioè con i cosiddetti contenuti “freschi”, ha notevoli vantaggi nel posizionamento nelle SERP di Google rispetto a un sito che ha contenuti poco (o addirittura mai) aggiornati. Ecco quindi un altro motivo, che stavolta ha a che fare con la SEO, per non interrompere bruscamente la produzione di contenuti sui tuoi progetti web.

  4. E i social network? Nemmeno loro vanno in ferie…

    Produrre contenuti non significa solo aggiornare il sito web o il blog aziendale, ma anche pubblicare sui profili che l’azienda gestisce sui vari social network. Insomma: durante l’estate è bene che tu non fermi nemmeno la tua attività sui social. Non si tratta solo di continuare a postare i contenuti che produci altrove, ma di continuare  a tenere aperto un filo diretto (chiamalo pure engagement, se preferisci) con i tuoi potenziali clienti anche sulle piattaforme social.

 

In conclusione: tu puoi anche andare in ferie (divertiti, mi raccomando!), ma i tuoi contenuti non devono fare nemmeno un giorno di vacanza.  🙂  Perché i contenuti sono il vero vantaggio competitivo che puoi prenderti sui concorrenti, quindi non smettere di produrli. Io stesso, anche in ferie, continuerò a postare tre volte alla settimana su questo blog. In fin dei conti, basta solo organizzarsi. Chi si organizza fa sì che il proprio content marketing vada comunque avanti comunque, sia al mare che ai monti.

 

Vuoi trovare nuovi clienti per il tuo business?
Il content marketing è quello che ti serve!
CONTATTAMI ORA PER SCOPRIRE COME!

 


contenuti di qualità

Questo post sui motivi per cui i tuoi contenuti web non possono andare in ferie (ma tu invece sì) è stato scritto da Alessandro Scuratti, content marketing specialist, business writer e business blogger.
Da 20 anni mi occupo di comunicazione e marketing per le aziende, come business writer e come content marketer.
Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, che raccoglie diverse migliaia di visite al giorno. Sono anche l’autore del libro “Scrivere per il web 2.0”.
Vuoi saperne di più su come fare digital marketing e content marketing, con l’obiettivo di intercettare i bisogni del tuo target di consumatori e trovare così nuovi clienti? Puoi farlo scrivendomi da questa pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*