10 cose che non devono mancare nei tuoi contenuti web

web contentVuoi fare content marketing come si deve? Molto bene, allora crea contenuti di qualità, cioè contenuti che trasmettano un grande valore al pubblico della tua nicchia. E fin qui ci siamo tutti: sappiamo infatti che è impossibile comunicare sul web in modo efficace se non si trasmette valore al proprio target di lettori o potenziali clienti.

Il valore è pertanto il pilastro su cui tutto si regge. Ma poi? Ci sono altri elementi da considerare quando creiamo i nostri contenuti web? Certamente sì. Una panoramica di quali siano questi elementi ce la dà per esempio un’infografica di Copyblogger (qui a destra, cliccala per ingrandirla), che elenca per l’appunto gli ingredienti necessari a produrre contenuti che si distinguono dalla massa. Ve li riporto qui di seguito.

  1. Parole chiave

    Non è solo per una questione SEO, cioè per posizionarti meglio su Google e sugli altri motori di ricerca. Le parole chiave ti servono anche per contestualizzare i tuoi contenuti, cioè per definire concretamente il tuo campo d’azione nel singolo articolo o post. In altri termini, le parole chiave sono le pietre angolari su cui costruisci il tuo contenuto web.

  2. Titoli

    Puoi creare il contenuto più pertinente e utile del mondo, ma se poi gli dai un titolo fiacco o addirittura fuorviante… Hai fallito la tua comunicazione! Ho suggerito diverse dritte su come scrivere i titoli dei contenuti web in questo post e in questo podcast.

  3. Tag title

    Si tratta dell’elemento più importante della cosiddetta ottimizzazione SEO on site. Vuoi qualche dritta su come ottimizzare in modo efficace i tag title dei tuoi contenuti per il web? Leggi questo post.

  4. Primo paragrafo del contenuto

    Bisogna iniziare alla grande, per conquistare fin dalle prime  righe l’attenzione del lettore. Come si fa? Beh, la risposta è semplice: usando il metodo della piramide rovesciata. Inoltre, è bene adoperare uno stile di scrittura diretto e concreto. Vietato annoiare a morte i lettori: questa massima vale anche sul web.

  5. Corpo del contenuto

    Abbiamo oramai capito che c’è una priorità su tutte: fornire valore al lettore, cioè risolvergli un problema concreto. Subito dopo, occorre ricordarsi che si sta scrivendo sul web e non sulla carta. Perciò, bisogna adeguarsi alle regole del web writing (ne parlo anche in questo podcast).

  6. Sottotitoli

    Se il tuo contenuto è lungo, valuta la possibilità di dividerlo in più paragrafi, allo stesso modo che un libro è diviso in differenti capitoli. Così eviterai l’odioso effetto “muro di testo”. Da’ a ciascun paragrafo il proprio sottotitolo, che inserirai nel testo del tag H2.

  7. Multimedialità

    I contenuti non sono solo testo, ma anche video, audio, immagini, infografiche, presentazioni ecc. Creare contenuti “multimediali” fa bene alla completezza della tua comunicazione. Inoltre, i contenuti lunghi e multimediali, a parità di altri fattori, si posizionano meglio di quelli corti e costituiti da solo testo.

  8. Elenchi puntati e numerati

    Gli elenchi puntati (o numerati) sono dei veri e propri butta-dentro, aiutano cioè le persone a entrare nella pagina web, a leggerla, a focalizzarsi su quelli che sono gli elementi contenuti nella lista stessa. Insomma: gli elenchi sono assolutamente consigliati per attirare l’attenzione del pubblico.

  9. Call to action finale

    Abbiamo definito l’inizio di un contenuto web come un punto fondamentale, che va perciò studiato con cura. La stessa cosa, se non di più, vale anche per la conclusione del contenuto web. La fine è infatti il momento di sparare le cartucce migliori, è il momento di chiudere con il botto. E che cosa c’è di meglio che chiudere con una call to action, cioè con un invito all’azione? Ogni articolo o post dovrebbe terminare con una call to action, per spingere i lettori a contattarci, dopo aver letto il contenuto di qualità che gli abbiamo regalato e avergli fatto capire che siamo autorevoli, che cioè siamo le persone o l’azienda che gli risolverà i problemi.

  10. Pulsanti di condivisione social

    Hai creato un contenuto di grande valore? Bene, ora devi condividerlo sui tuoi social, devi cioè fare un po’ di digital PR. Puoi anche fare in modo che siano i lettori ad aiutarti nel lavoro di promozione sul web. In che modo? Inserendo nei tuoi articoli e post i pulsanti di condivisione sui social network oppure chiedendo loro espressamente di condividere i tuoi contenuti.

 

Ecco, questi sono alcuni degli elementi fondamentali che devi curare quando decidi di progettare un contenuto web. La qualità del contenuto è un requisito necessario, ma spesso non sufficiente: anche i dettagli possono spesso avere un peso decisivo. E l’infografica ci spiega chiaramente che questi dettagli non sono nemmeno così pochi. Quindi, occhi aperti e grande attenzione, perché i fattori in gioco sono davvero parecchi!

A tuo modo di vedere, l’elenco sopra pubblicato è completo? Oppure manca ancora qualcosa? In altre parole, che cosa aggiungeresti alla lista di suggerimenti? Quali sono gli altri elementi che potenziano l’efficacia di un contenuto web, rendendolo un contenuto di altissimo valore per il pubblico della nicchia a cui è destinato?

 


contenuti webQuesto post su quali sono i 10 elementi che non devono mai mancare nei tuoi contenuti web è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e blogger.
Da 19 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, che raccoglie migliaia di visite al giorno. Sono autore di “Scrivere per il web 2.0”.
Vuoi contattarmi per saperne di più su come fare content marketing in maniera corretta? Vuoi discutere con me su come riuscire a intercettare i bisogni del tuo target di consumatori e trovare così nuovi clienti? Puoi farlo da questa pagina!

Loading Facebook Comments ...

2 pensieri su “10 cose che non devono mancare nei tuoi contenuti web

  1. Ilario Gobbi

    Ciao, grazie per questo articolo, contiene tutti gli elementi importanti da non trascurare per dare vita a un articolo sia utile per gli utenti che in grado di calamitare l’attenzione, nonché per invogliare le persone a condividerlo sui social network. A presto!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*