Content marketing: sempre più contenuti nel marketing del futuro [RICERCA]

content marketingQuali sono le attuali sfide di content marketing che le agenzie devono affrontare? E come se la cavano le aziende che hanno deciso di fare da sole nella creazione di contenuti web? E i freelance che offrono servizi online di marketing dei contenuti, come se la passano? A queste domande risponde un’indagine di Copy Press.

Lo studio si è basato sulle interviste a 300 tra agenzie di marketing, aziende che fanno content marketing al loro intero e freelance specialisti in marketing dei contenuti. Tutti i soggetti rispondenti sono americani. Le risposte principali sono state riassunte in un’infografica (qui a destra, cliccaci sopra per ingrandirla).

Vediamo un po’ il quadro che la ricerca ha delineato, e che è sicuramente interessante anche per noi che stiamo oltre l’Atlantico.

  • L’84% delle agenzie di marketing prevedono che i contenuti web diventeranno sempre più importanti nel prossimo futuro.
  • Il 58% delle agenzie di marketing afferma che i loro clienti non sanno alcunché di content marketing. Ne sono totalmente digiuni. Solo il 5% dei clienti lo conosce bene.
  • L’82% delle agenzie di marketing dice che, in media, per ogni cliente, crea da 1 a 10 contenuti web al mese. Solo il 10% delle agenzie indica in più di 50 i contenuti online creati mensilmente per i clienti.
  • Il 92% delle agenzie di marketing crea post per blog aziendali, il 72% si occupa di web copywriting, il 45% crea video o contenuti interattivi, il 30% crea infografiche, il 16% crea illustrazioni.
  • Quali sono gli ostacoli principali che le agenzie di marketing incontrano nel loro lavoro? Per il 33% è comprendere e soddisfare i desideri dei clienti. Per il 15% è riuscire a rendere scalabile la propria produzione di contenuti. (A tal riguardo, consiglio la lettura del libro Prendi i soldi e scappa).
  • Il 74% delle aziende che fanno marketing dei contenuti internamente ha da 1 a 4 dipendenti che si occupano in modo specifico di content marketing. Il 17% ne ha più di 10.
  • Il 39% delle aziende che fanno content marketing internamente dice di non ottenere i risultati sperati dalle proprie azioni.
  • Il 35% delle aziende che fanno content marketing internamente lo fa per migliorare il posizionamento dei contenuti su Google  e quindi ottenere più visibilità. Il 13% lo fa per costruire e fidelizzare una community intorno al proprio brand. Il 43% lo fa per aumentare le vendite e il fatturato.
  • Il 26% delle aziende spende meno di 5.000 dollari l’anno in content marketing. Il 22% spende tra 5.000 e 15.000 dollari l’anno.
  • Il 64% dei freelance che lavorano nel marketing dei contenuti lo fa full time. Il 23% ha da 3 a 5 anni di esperienza sul campo. Il 24% ha più di 10 anni di esperienza. Il 13% ha un diploma, il 78% ha la laurea e il 28% ha fatto un master.
  • Il 60% dei freelance che lavorano nel content marketing ha un sito web o un blog personale. Il 40% lavora da 21 a 40 ore la settimana, mentre il 14% lavora di più. Il 6% dichiara di guadagnare oltre 90.000 dollari l’anno, mentre il 67% ne guadagna meno di 20.000.
  • Il 4% dei freelance che lavorano nel content marketing dice di creare infografiche o altri tipi di visual content. Il 94% afferma di creare contenuti testuali.
  • Il 27% dei freelance attivi nel content marketing dice di creare contenuti testuali che costano ai clienti dai 4 ai 7 centesimi a parola. Il 16% si fa pagare da 7 a 12 centesimi a parola. Il 12% si fa pagare meno di 3 centesimi a parola. Il 32% dei freelance è contento di quanto guadagna, mentre il 25% non lo è.
  • Il 47% dei freelance attivi nel marketing dei contenuti dice che i propri contenuti sono pubblicati a nome dell’azienda, senza citare il contributo del freelance. Cioè: non c’è attribuzione del lavoro a chi l’ha effettivamente svolto. Il 53% dei freelance intervistati dice che l’attribuzione all’autore influenza almeno un po’ il tempo e lo sforzo che si dedicano alla stesura dei contenuti per le aziende committenti.

 

Indicazioni interessanti, non trovi? La situazione in Italia è ovviamente peggiore, perché sono pochissime le aziende che hanno capito l’importanza del content marketing sul web e, in generale, dell’utilità dell’inbound marketing. Persino vendere online è ancora un tabù per tante imprese italiane. Magari questo mio blog, goccia dopo goccia, aiuterà qualche imprenditore e direttore marketing a capire che i contenuti web non sono un nemico, ma un solido aiuto per far decollare i business e fargli trovare nuovi clienti.  🙂

 

Vuoi vendere più prodotti e servizi?
Ti serve fare content marketing.
>>> Contattami e parliamone! <<<

 


content marketingQuesto post sulle attuali sfide di content marketing che devono affrontare le agenzie di marketing, le aziende che creano contenuti e i freelance che sono attivi nell’inbound marketing è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da più di 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog personale, che raccoglie migliaia di visite al giorno. Sono autore del libro Scrivere per il web 2.0.
Vuoi contattarmi per saperne di più su come fare content marketing in modo efficace sul tuo blog aziendale? Vuoi scoprire come intercettare i bisogni del tuo target di consumatori e generare lead caldi e in target in modo continuativo? Contattami e ti dirò come fare acquisizione clienti!

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*