12 idee per scrivere contenuti realmente utili

contenuti per il webQuando devi scrivere un nuovo articolo per il web, non puoi procedere alla cieca partendo da un’idea di base e pretendendo di svilupparla alla meglio durante la scrittura. Il processo di creazione e realizzazione di un pezzo dev’essere preciso e strutturato già dal concepimento, cioè dal momento in cui ti si è accesa la lampadina in testa e hai avuto una nuova ispirazione.

Per distinguerti dalla massa di web writer anonimi, scrivendo invece testi piacevoli e soprattutto coinvolgenti, devi partire proprio dalla struttura del contenuto, ponendoti determinate domande e rispondendo concretamente a esse nel tuo articolo. Alcune di queste domande sono, per esempio:

  • Chi è il mio target? A chi si rivolge questo pezzo?
  • Che scopo ha questo articolo? Per quale motivo lo sto scrivendo?
  • Sono in possesso di dati o informazioni credibili per avvalorare ciò che sto affermando?
  • Come intendo diffondere questo post? Su quali canali?

Già solo rispondendo a queste domande, riuscirai a creare uno scheletro solido per supportare il tuo articolo, dandogli poi forma seguendo un preciso procedimento (vedi sotto), e rendendolo completo da ogni punto di vista.

In nostro aiuto, arrivano anche i preziosi consigli di Ann Handley, autrice del libro Everybody writes, racchiusi in un’infografica con dodici utili idee.

 

1. Fissa i tuoi obiettivi

Prima di cominciare, devi avere ben chiaro qual è l’obiettivo del tuo articolo: che cosa vuoi ottenere dalla sua pubblicazione online?
Qualsiasi cosa scrivi sul web, anche si tratta di un semplice post di sfogo nel tuo blog personale, dovrebbe essere sempre allineata con un tema più grande, un filo conduttore che lega tutto ciò che scrivi e pubblichi. Insomma: anche in Rete, bisogna sempre tener presente lo scopo per cui si scrive.

 

2. Parti dalle fondamenta

Nella stesura di un post o di un articolo per un sito web o un blog, devi riuscire a fare in modo che i lettori abbiano accesso allo spirito dello stesso, cioè devono comprendere ciò che stai comunicando per afferrarne lo scopo e l’utilità.
Per riuscire a fornire un’informazione davvero completa nei tuoi articoli, puoi seguire una semplice quanto efficace tecnica, quella dei perché.
Hai presente quando i bambini torturano mamma e papà per scoprire cose nuove con una serie di interminabili perché? Funziona più o meno allo stesso modo, e devi continuare finché non avrai esaurito tutti i perché. Ad esempio:

Voglio attirare l’attenzione sul lancio del nostro nuovo programma di editing testuale collaborativo.
Perché?
Perché i nostri editor sono riusciti a rendere tremendamente facile la collaborazione in remoto senza correre il rischio di sovrascrivere il lavoro di un collega.
Perché?
Perché è un problema comune a tutti quanti lavorano in team virtuali.
Perché?
Perché… è una cosa fastidiosa… a cui bisogna trovare soluzione.

Ricordati tutti i perché stai scrivendo quella bozza!

 

3. Cerca dati concreti o esempi da citare

Durante il reperimento delle informazioni per la stesura di questo post hai trovato dati o informazioni concrete che possano avvalorare il tuo testo? Se sì, trova il modo di riportare questi dati nel tuo articolo oppure fornisci esempi, o ancora, se hai esperienza diretta di ciò che scrivi, puoi autocitarti come fonte: in questo modo potrai dare una tua versione dei fatti partendo dall’esperienza personale.

 

4. Organizza la struttura del contenuto

Non soltanto testi. Prima di pubblicare un contenuto, chiediti quale potrebbe essere la forma migliore che possa rendere al meglio la tua comunicazione, o grazie a quale tipologia di contenuto il messaggio riesce arrivare più facilmente al pubblico.
Puoi valutare di scrivere post di blog che esprimono la tua esperienza personale, ma anche articoli how-to esplicativi che riescano a fornire tutti i dettagli operativi necessari, oppure comode e accattivanti infografiche, o ancora case study da prendere come esempio… Insomma, puoi davvero sbizzarrirti!

 

5. Scrivi pensando al lettore

Cerca di avere sempre bene in mente che dall’altra parte dello schermo c’è un lettore, una persona come te che sta cercando informazioni e ha scelto di apprenderle proprio da ciò che hai prodotto con la tua penna.
Prova a instaurare un tono colloquiale, che metta a proprio agio il lettore e che lo renda il centro del tuo testo, immaginando la persona che stai aiutando con il tuo articolo.
Scrivi direttamente per il lettore, usa il tu anziché le persone o il loro: in poche parole, accorcia le distanze.

 

6. Sentiti libero di scrivere una bozza orrenda

Nessun articolo nasce perfetto: tutti gli addetti ai lavori sanno perfettamente che, prima di completare ogni singolo post, bisogna ritornarci più e più volte per rileggerlo, correggerlo e rifinirlo al meglio, ma tutto nasce da una materia grezza.
Abbandona l’idea di dover scrivere un capolavoro al primo colpo: questo atteggiamento potrebbe limitarti fortemente o comunque rallentare il tuo lavoro.
Scrivi una prima bozza brutta, piena di errori – evita però gli orrori, se puoi! –, frasi che non oseresti pubblicare mai o pensieri contorti.
Scrivi come se nessuno dovesse mai leggere quello che stai scrivendo e libera l’estro, c’è tempo per sistemare.

 

7. Prendi una pausa

Non crederai forse di editare la tua prima bozza subito dopo averla scritta, vero? Fai in modo che tra la prima stesura e la successiva revisione passi un po’ di tempo, fai una passeggiata, prenditi del tempo, fatti un caffè, scambia due chiacchiere con i colleghi e poi ritorna su ciò che hai scritto.
In questo modo sarai più oggettivo e riuscirai a rileggere il post con una prospettiva diversa.

 

8. Revisiona, correggi e riscrivi

Questo è proprio il momento in cui dalla pietra grezza inizia la lavorazione per il tuo diamante, inizia a dare forma all’insieme di idee che hai scritto di getto nella bozza brutta di cui sopra, e soprattutto ricordati sempre a chi è destinato il post: cosa vorresti leggere tu al posto suo?

 

9. Dai un gran titolo al tuo post

Il titolo è croce e delizia di qualsiasi scrittore, perché è importante quasi quanto il pezzo stesso e nella sua ideazione ci si può giocare l’attenzione dei lettori.
Dedicagli tempo, fai in modo che il titolo attiri e risalti il contenuto del tuo post, ma allo stesso tempo rispettalo nel testo!

 

10. Abbi qualcuno che modifica i tuoi post

Questo step non sempre è possibile, non sempre c’è la possibilità di avere un editore che corregge le tue bozze, anche se uno sguardo esterno potrebbe assicurarti un occhio più critico su grammatica, stile e punteggiatura, cosa che nella correzione porterebbe solo valore aggiunto al contenuto.
Ma se non c’è nessuno che revisiona i tuoi testi, provvedi da solo: prendi una pausa e ricontrolla più tardi.

 

11. Fai una revisione finale

In ultimo, non dimenticare di fare una revisione, per capire il grado di leggibilità del tuo testo, assicurandoti che sia invitante, allettante, facile da scansionare e da comprendere, mediante l’impiego di paragrafi corti, grassetti, sottotitoli, liste e così via.

 

12. Pubblica

Pubblica il tuo articolo, ma non senza prima aver risposto all’ultima domanda che si pone il lettore: “E ora?”. Ovvero: non lasciare che i tuoi lettori restino soli e spiazzati dopo la lettura del tuo post, senza sapere che cosa fare.
Aggiungi una call to action per loro! 😉

 

Questi sono i dodici consigli per creare con più facilità i tuoi contenuti per il web. Che cosa ne pensi? Di più: che indicazioni daresti tu per scrivere contenuti sui nostri siti e blog senza fare una fatica nera?

 


contenuti di qualitàQuesto articolo con i consigli su come creare contenuti web di qualità senza uccidersi di fatica è un guest post scritto da Maria Grazia Tecchia, content creator professionista e grande appassionata di smartphone, tablet, computer e, più in generale, di qualsiasi accessorio tecnologico.
Oltre che un’esperta di comunicazione sul web, Maria Grazia è anche l’autrice di Tecnologia 360, blog in cui ha coniugato l’arte della scrittura per il web alla sua passione per tutto quello che è device tecnologico.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*