Archivi categoria: Marketing classico

Il tuo concorrente ha lanciato un nuovo prodotto? Non copiarlo!

copiare nel marketingPer Michael Porter, l’imitazione è il più comune errore strategico commesso nel business. Si può capire il perché: imitare un prodotto o un servizio di successo è una tentazione umana, troppo umana. Ci sono addirittura aziende che nascono con l’intento di copiare ciò che fa il leader di mercato. Le guida il seguente pensiero: “Se ha successo lui, lo avremo anche noi con un prodotto clonato”.

Sembra un ragionamento che fila, vero? Se un’azienda crea un’offerta che il mercato premia, basta copiarla per replicare la stessa riuscita. Pare perfino banale: se copi ciò che funziona, anche la tua attività potrà fare soldi. Per la proprietà transitiva applicata al business. Peccato che le cose non vadano esattamente così… Continua a leggere…

Non ti distingui dai concorrenti? Il digital marketing non ti salverà

differenziarsi dai concorrenti“Distinguersi o estinguersi” è il mantra di Tom Peters. Gli fa eco Jack Trout, che ha scritto un libro dal titolo perentorio: Differenziarsi o perire. Come dargli torto? In effetti, per affrontare l’affollata competizione odierna, le aziende hanno bisogno di un posizionamento di marca. Hanno cioè bisogno di farsi percepire come diverse dagli altri competitor.

È inevitabile: se la tua offerta non è differente da quelle dei tuoi concorrenti, per i clienti è una delle tante. Vale a dire che, per loro, sei solo l’ennesimo brand indifferenziato che offre prodotti (o servizi) altrettanto indifferenziati. Sei una banale commodity, per dirla in poche parole. Continua a leggere…

Nessuna azienda va rifatta da cima a fondo

aziendaLunedì ho pubblicato un post che mi è stato ispirato dalla chiacchierata di settimana scorsa con uno dei manager che hanno fatto la storia del management italiano tra gli Anni Settanta e Novanta. Si tratta di una persona che ha fondato diverse aziende e che è considerato una leggenda nel suo settore. Oggi pubblico la seconda riflessione stimolata da quello scambio di esperienze.

Questo manager mi parlava di alcuni aspetti della professione di consulente. La cosa mi riguardava da vicino, dato che sono proprio un consulente di comunicazione e marketing. Continua a leggere…

Perché sbagli a essere innamorato del tuo prodotto

azienda prodotto centricaLo scorso venerdì, ho avuto il privilegio di chiacchierare con uno dei manager che hanno fatto la storia del management italiano tra gli Anni Settanta e Novanta. Si tratta di una persona che ha fondato e diretto varie aziende e che è considerato una leggenda nel suo settore. Bene, questo grande manager sottolineava quello che è uno dei difetti più comuni dell’imprenditoria italiana: l’essere prodotto-centrica. Continua a leggere…

Ma scrivere un libro fa guadagnare?

scrivere un libro fa guadagnareIn questi giorni sto revisionando il mio libro, Scrivere per il web 2.0. Fra qualche settimana consegnerò alla casa editrice la nuova versione, da pubblicare in primo luogo come e-book. Il lavoro di aggiornamento del testo mi ha stimolato alcune riflessioni. Una di queste la voglio condividere con voi.

Scrivere un libro mi ha fatto guadagnare tanti soldi? No, direi che non è stato così. Nonostante il manuale abbia venduto qualche migliaio di copie (la maggior parte in formato digitale), non si può dire che abbia rappresentato una cospicua fonte di guadagno. Tutt’altro, anche in virtù del prezzo di copertina economico. Continua a leggere…